20 Settembre 2021
14:09

L’Italia è il Paese meno social d’Europa: questo studio spiega perché

Nel nuovo studio pubblicato dall’ufficio statistico dell’Unione Europea, il nostro Paese si posiziona ai piedi della classifica generale. Solo il 48% degli italiani con età compresa tra i 16 e i 74 anni ha utilizzato le piattaforme più famose. Un risultato al di sotto della media europea (57%) e distante anni luce dall’Islanda (94%), la Norvegia (88%) e la Danimarca (85%). La causa principale di questo divario è attribuibile all’accesso limitato a Internet.
A cura di Ivano Lettere

Dopo l'amaro risultato ottenuto nella classifica dei paesi che leggono con più frequenza in Europa, il Bel Paese deve a malincuore ingoiare un altro primato negativo. Questa volta si tratta dell'uso dei social network, in modo particolare Facebook, Instagram, Snapchat, TikTok e Twitter. Contrariamente all'adagio popolare che ci vedrebbe connessi 24 ore su 24, gli italiani si sono posizionati ultimi tra i paesi del vecchio continente. Per quanto ci riguarda, il "Regional yearbook 2021 edition", un rapporto dell'Eurostat che fornisce un quadro dettagliato dei paesi europei su un'ampia gamma di temi, rivela dati preoccupanti: solo il 48% degli italiani con un età compresa tra i 16 e i 74 anni ha utilizzato le piattaforma sopra menzionate nel 2020.

I dettagli dello studio

La percentuale italiana, da sola, non dà l'idea dell'entità del problema. Nel 2020, la media europea delle persone che hanno utilizzato i social network nei tre mesi precedenti l'ultima indagine corrisponde al 57%. Da notare il fatto che "il tasso di partecipazione dei giovani adulti di età compresa tra i 16 e i 24 anni (87%) era quasi quattro volte superiore al tasso corrispondente per gli anziani di età compresa tra i 65 e i 74 anni (22%)", scrivono gli autori dello studio. Una differenza che va però messa in relazione con altre variabili che mettono in luce un trend inaspettato. Secondo l'Eurostat, "nel corso dell'ultimo quinquennio (2015-2020) per il quale sono disponibili i dati, la quota di giovani adulti partecipanti ai social network è stata ridotta o nulla. Per contro, la percentuale di persone anziane che utilizzano le reti sociali è quasi raddoppiata nello stesso periodo".

Tra gli utenti di età compresa tra i 16 e i 74 anni, le nazioni che hanno raggiunto invidiabili percentuali uguali o superiori al 76%  compaiono l'Islanda (94%), la Norvegia (88%) e la Danimarca (85%). La causa principale di questo gap va attribuita prevalentemente all'accesso a Internet, reso difficile in molte zone dello stivale: "ciò può in parte spiegare l'uso relativamente basso dei social network nel Mezzogiorno d'Italia". Ma sono anche altri i motivi che impediscono agli utenti di accedere ai social network, per esempio "una struttura demografica sempre più vecchia in regioni prevalentemente rurali, o questioni legate alla privacy e alla disponibilità dei singoli a condividere i propri dati online", dichiarano.

Altri settori problematici

Per quanto riguarda l'accesso a Internet, lo studio dell'Eurostat ha dedicato spazio anche ad altri due ambiti: Internet banking e E-Commerce. Nel primo caso, a fronte di una media europea del 58% e di picchi superiori al 70% (Danimarca, Estonia, Lituania, Lussemburgo, Olanda, Finlandia e Svezia), alcune regioni hanno dichiarato che meno di un quarto degli adulti ha utilizzato i servizi online per operazioni bancarie: tra queste, quasi tutte collocate a est e a sud del continente, compare anche la Calabria. Anche per quanto concerne il consumo online nel 2020, la propensione mostrata dagli utenti italiani  delle regioni centrali e meridionali è molto bassa e, in misura simile all'internet banking, a fare loro compagnia ci sono la Romania e la Bulgaria.

Perché non devi pubblicare la foto del Green Pass sui social
Perché non devi pubblicare la foto del Green Pass sui social
"Instagram è tossico per le ragazze": lo dice uno studio del social (che ha provato a nasconderlo)
"Instagram è tossico per le ragazze": lo dice uno studio del social (che ha provato a nasconderlo)
Facebook, YouTube e TikTok contro i talebani, Twitter nicchia: i social divisi sull’Afghanistan
Facebook, YouTube e TikTok contro i talebani, Twitter nicchia: i social divisi sull’Afghanistan
36 di Videonews
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni