Durante la giornata mondiale dell'arte, Google, ha reso pubblica la classifica per quanto concerne la visualizzazione delle opere da parte degli internauti nel suo famoso Google Art Project. Un servizio che da due anni permette a tutti di osservare più di 40 mila opere d'arte semplicemente dal proprio PC di casa. La "vittoria" è andata al capolavoro di Van Gogh "Notte stellata" che ha battuto nei click anche la grande opera del Botticelli, "La nascita di Venere".

Due anni, più di 40 mila raccolte di opere d'arte, oltre 200 musei in 40 paesi. Questi i numeri di Google Art Project, il servizio che dal 2011 permette di visionare stando seduti a casa le migliori opere d'arte del mondo. L'opera di Van Gogh si è meritato il premio di capolavoro più cliccato negli ultimi sei mesi oltre ad essere anche la più osservata nel dettaglio grazie alla messa in alta risoluzione da parte del servizio di Mountain View. Oltretutto il servizio, che ha dunque recepito un grandissimo successo, ha permesso di osservare in ogni modo le opere d'arte, incoraggiando gli spettatori a sostare virtualmente su di una specifica opera per più di un minuto in media. Tempo assolutamente superiore ai 20 secondi che invece vengono calcolati in media nella sosta in un museo fisico.

La graduatoria vede anche il dipinto di Van Gogh, come opera che gli utenti includono più frequentemente nelle proprie gallerie personali. Al seguito della "Notte Stellata" le preferenze degli utenti vedono la "Nascita di Venere" del Botticelli, "Autoritratto alla finestra" di Rembrandt, "Conservatorio" del grande Manet, "I mietitori" di Bruegel il vecchio, "Gli Ambasciatori" con Holbein il giovane ma anche "L'Isola della Morte" per quanto riguarda Boecklin. Da annoverare anche il fatto che le opere d'arte ‘classiche' risultano le più visualizzate anche se cresce l'interesse per l'arte moderna, con Dali' e Klimt tra gli artisti piu' ricercati.

SnapCrab_NoName_2013-4-15_14-43-46_No-00

In occasione della Giornata Mondiale dell'Arte, Google ha chiesto collaborazione ad alcuni dei propri partner museali, permettendo di posizionare le strutture anche su Street View e dando la possibilità a tutti gli utenti di inoltrarsi dal proprio PC direttamente all'interno degli edifici, alcuni dei quali di difficile accesso sulla realtà, come per la Casa Bianca, la quale risulta la più visitata proprio su Google Art Project.