15 Gennaio 2021
08:35

Oggi Wikipedia compie 20 anni: com’è nata e qual è il suo segreto

Nata nel 15 gennaio 2001 dai fondatori Jimmy Wales e Larry Singer come evoluzione di un progetto precedente, Wikipedia oggi è uno dei siti più visitati del mondo e regala conoscenza a centinaia di milioni di persone ogni giorno. Le idee alla base ne hanno fatto uno strumento di sapere insostituibile.
A cura di Lorenzo Longhitano

Wikipedia oggi festeggia i suoi primi 20 anni. Nel 2021 l'enciclopedia libera è diventata uno strumento d'uso quotidiano per centinaia di milioni di persone. Regala conoscenza ma funziona anche da comodo sostituto della memoria. Molto dello scibile umano del resto è contenuto nelle sue pagine ed è prontamente accessibile da qualunque smartphone in poche frazioni di secondo, anche se non è sempre stato così: non lo era sicuramente prima del 15 gennaio 2001, quando Wikipedia è nata dai fondatori Jimmy Wales e Larry Singer come evoluzione di un progetto precedente, ovvero Nupedia.

Redattori volontari e conoscenza libera

Che il portale fosse diverso da tutte le altre enciclopedie mai realizzate era chiaro dall'inizio. L'idea di lasciare sviluppare le voci da redattori volontari e di mantenere l'impianto del progetto libero e gratuito del resto erano rivoluzionarie — soprattutto in un'epoca in cui Internet non era di dominio così diffuso e la maggior parte delle enciclopedie era su volumi cartacei o su supporti ottici come CD e DVD. Contrariamente alla staticità delle enciclopedie tradizionali con le loro versioni aggiornate a cadenza annuale, Wikipedia poteva essere migliorata in tempo reale e le sue voci potevano essere aggiornate man mano che i fatti lo richiedevano, con un ritardo di pochi minuti o al più di pochi giorni. Non per niente la popolarità di Wikipedia non ha tardato a esplodere: nata in lingua inglese, a un anno dalla fondazione l'enciclopedia libera contava già circa 20.000 voci divise in 18 edizioni in lingue diverse.

La crescita

Wikipedia ha inaugurato e accompagnato l'epoca Web 2.0, quella i cui contenuti non sono semplice materiale da fruire come spettatori ma sono il prodotto degli stessi utenti della Rete. Il loro numero a partire dai primi anni 2000 ha iniziato a crescere esponenzialmente in tutto il mondo, facendo aumentare sia il numero di lettori che quello di redattori e revisori — e di conseguenza anche quello delle voci presenti sul sito. Nel 2008 Wikipedia era già entrata nel Guinness dei Primati come enciclopedia più grande del mondo — forte di ben 7 milioni e mezzo di voci all'attivo, prima ancora che gli smartphone diventassero un fenomeno di massa.

Wikipedia ovunque

Proprio con l'avvento degli smartphone e soprattutto delle connessioni Internet a basso costo, Wikipedia ha iniziato a farsi portatile e consultabile quasi da qualunque punto del pianeta. Il portale nel frattempo si era già dotato da anni di una fondazione senza scopo di lucro — la Wikimedia foundation — dedita a raccogliere i fondi necessari a mantenere il progetto libero sia dalle pressioni e dalle ingerenze esterne che dalla presenza degli annunci pubblicitari.

È con questa autonomia e con l'apertura ai contributi di tutti che Wikipedia assicura agli utenti il massimo dell'autonomia possibile in un'attività tanto delicata come la salvaguardia e la diffusione della conoscenza. Oggi il portale vanta 52 milioni di pagine divise in 307 diverse edizioni ed è visitato 10 miliardi di volte ogni mese. Quella in lingua inglese è la più popolare, ma la Wikipedia italiana è l'ottava per dimensioni: al progetto collaborano 9.500 volontari che ad oggi hanno scritto e continuano a mantenere aggiornate e accurate più di un milione e 600mila voci.

Auguri al mouse: inventato nel 1970, oggi compie 50 anni
Auguri al mouse: inventato nel 1970, oggi compie 50 anni
I 20 luoghi più segreti e nascosti delle Dolomiti
I 20 luoghi più segreti e nascosti delle Dolomiti
1.770 di CS Design
Twitter ha compiuto 15 anni: ecco com'è nato e com'è diventato così
Twitter ha compiuto 15 anni: ecco com'è nato e com'è diventato così
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni