L'imprenditore sudafricano naturalizzato statunitense Elon Musk non è soltanto un inventore eccentrico, ma anche uno degli uomini più ricchi del mondo – e renderlo multimiliardario sono per la maggior parte le due aziende più importanti che ha fondato: la casa di produzione di auto elettriche Tesla e l'impresa aerospaziale SpaceX. Se però fino a poco tempo fa il grosso della fortuna di Musk arrivava dai proventi del suo business terrestre, da ormai qualche tempo a questa parte è diventata SpaceX la sua risorsa più preziosa.

A dipingere il quadro della situazione finanziaria di Musk sono gli ultimi dati di Bloomberg, che nel celebrare l'ultima operazione di decollo andata a buon fine per i razzi di SpaceX (la più rischiosa finora secondo il fondatore) non ha mancato di sottolineare come ormai a costituire la maggior parte della ricchezza personale dell'imprenditore siano i suoi investimenti nelle attività extraterrestri. Dei 22,4 miliardi di dollari che costituiscono il patrimonio personale di Musk, circa due terzi (14,6 miliardi) sarebbero costituiti proprio da SpaceX, mentre circa un terzo (7,6 miliardi) dalle attività di Tesla – un rapporto che fino a pochi anni fa era invertito.

Del resto le sorti delle due aziende hanno iniziato a divergere ormai da tempo. Da una parte infatti secondo EquityZen la valutazione del gruppo aerospaziale è infatti lievitata lentamente ma costantemente fino a ben 34 miliardi di dollari, e già i dati di inizio mese provenienti da Cnbc riferivano di una valutazione di 33,3 miliardi di dollari – in sorpasso sui 32,8 miliardi di dollari di Tesla. D'altro canto il costruttore di auto elettriche, che a differenza di SpaceX è quotato in borsa, dall'inizio dell'anno ha perso un terzo del suo valore a causa di investitori sempre meno fiduciosi della capacità dell'azienda di competere con avversari sempre più preparati sul fronte delle auto elettriche.