instagram influencer

Instagram consentirà di segnalare i post contenenti disinformazione e bufale, attivando un sistema di verifica attraverso operatori umani che potranno flaggare il contenuto come fake news e limitarne la diffusione all'interno del social network. Lo ha annunciato Facebook nel corso delle ultime ore, spiegando che la funzionalità sarà inizialmente disponibile negli Stati Uniti con un rilascio previsto nel resto del mondo per la fine di agosto. "La disinformazione è un problema sul quale ho speso personalmente molto tempo" ha spiegato in un tweet Adam Mosseri, responsabile di Instagram. "Sono orgoglioso di annunciare che a partire da oggi le persone potranno farci sapere se vedono post che potrebbero essere falsi".

Segnalare le bufale è semplice: basterà selezionare l'icona con i tre puntini posizionata in alto a destra su ogni post, cliccare su "Segnala" e poi "Non è appropriato". A questo punto si aprirà un ulteriore menu con diverse opzioni, tra cui "Falsa informazione". Attualmente la voce è presente solamente negli Stati Uniti, quindi in Italia il menu mostra solo le opzioni disponibili fino ad oggi. Entro la fine di agosto, però, anche nel nostro Paese dovrebbe arrivare la funzione per segnalare le bufale.

Una volta inviata la segnalazione, Instagram si prenderà carico di indirizzarla verso un team di fact-checker umani che potranno visualizzare il post e decidere se le informazioni in esso contenute sono vere o false. Se per esempio viene segnalato un contenuto che afferma "2+2=5" i moderatori lo segnaleranno come falso, elemento che porterà ad una limitazione della sua diffusione all'interno di Instagram. Come? Semplice: il post non sarà cancellato, ma sparirà dalle ricerche relative agli hashtag utilizzati da chi lo ha postato e dalla sezione Esplora del social network. In questo caso a chi ha postato il contenuto non verrà però notificata la limitazione.