9 Luglio 2013
19:01

Papa Francesco twitta con un MacBook Pro dalla motovedetta durante la visita a Lampedusa

Un’immagine mostra Papa Francesco mentre twitta da Lampedusa all’interno di una motovedetta. La macchina utilizzata è curiosamente un Mac.
A cura di Bruno Mucciarelli

Se la tecnologia fa passi da gigante e tutti i giovani di oggi la utilizzano parte integrante della vita quotidiana è giusto che per avvicinarsi ai giovani anche i più lontani alla tecnologia la utilizzino. Il caso attuale è quello di Papa Francesco che nelle scorse ore ha deciso di effettuare una visita storica nelle zone di Lampedusa per incontrare i suoi cari fedeli. Nel suo viaggio un'immagine scattata ha fatto il giro del mondo.

Il papa ha realmente twittato dal proprio profilo personale con un Mac. Durante l’incontro con la gente dell’isola il "capo" della Chiesa ha avuto anche il tempo di inviare un messaggio via Twitter. Il tweet dichiarava "Preghiamo per avere un cuore che abbracci gli immigrati. Dio ci giudicherà in base a come abbiamo trattato i più bisognosi" e la notizia per gli appassionati di tecnologia è stato il fatto di averlo scritto ed inviato utilizzando un MacBook Pro, aiutato da alcuni uomini della Guardia Costiera.

Sappiamo come il primo pontefice utilizzi con piacere il proprio account di Twitter utilizzato in precedenza da Papa Ratzinger che aveva usato per l’occasione un iPad. Papa Bergoglio aveva ricevuto in omaggio un iPad nel corso dell’incontro con i giornalisti, offertogli da Lucio Ruiz, responsabile dell’Ufficio Internet del Vaticano. Lo stesso pontefice a gesti aveva dimostrato di saper bene come utilizzare l'iDevice.

Apple presenta la nuova serie di MacBook Pro: più sottile, più leggero, più veloce
Apple presenta la nuova serie di MacBook Pro: più sottile, più leggero, più veloce
Papa Francesco spopola tra Facebook e Google
Papa Francesco spopola tra Facebook e Google
Il web adora Papa Francesco. La Blogfest lo premia
Il web adora Papa Francesco. La Blogfest lo premia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni