7 Gennaio 2020
10:18

Perché Facebook ha messo al bando i deepfake

Il social network ha deciso di adottare delle contromisure nei confronti dei video modificati da algoritmi di intelligenza artificiale per mostrare contenuti falsi, come personaggi di spicco e politici che pronunciano frasi in realtà mai pronunciate. Foto e video realizzati con queste tecniche verranno rimossi dal sito.
A cura di Lorenzo Longhitano

Nel corso dell'anno scorso gli abitanti della Rete hanno fatto la conoscenza di un fenomeno che rischia di mettere a repentaglio l'affidabilità delle informazioni che circolano online: quello dei deepfake, ovvero video generati da algoritmi di intelligenza artificiale che ritraggono personaggi più o meno famosi durante azioni che in realtà non hanno mai intrapreso, o mentre pronunciano frasi e discorsi in realtà mai pronunciati. Esempi di questi video sono circolati abbondantemente anche in Italia, ma per quest'anno sembra che Facebook voglia mettere loro un argine bandendoli dalla sua piattaforma.

I deepfake banditi da Facebook

Lo ha affermato lo stesso social network con un comunicato nel quale afferma che rimuoverà dalle proprie pagine tutti i video e le foto "modificati in modo da far credere che il soggetto del video abbia detto cose che in realtà non ha detto", e che siano "prodotti da algoritmi di intelligenza artificiale capaci di fondere, rimpiazzare o posizionare in sovrimpressione del contenuto in un video, con lo scopo di far sembrare il risultato autentico".

Perché è importante limitare la diffusione dei deepfake

In questi video, influencer e politici diventano burattini nelle mani degli autori, che ne utilizzano le fattezze per far pronunciare loro dichiarazioni atte a spostare l'opinione pubblica in una direzione o in un'altra. L'importanza di bandire questi video è dunque palese, anche perché questi contenuti sono quasi sempre pensati per diventare virali – magari contengono affermazioni fuori luogo o dai toni sopra le righe, pronunciate da figure considerate autorevoli; le smentite dei soggetti danneggiati da operazioni simili possono arrivare velocemente dopo la pubblicazione di questi video, ma il passaparola e la condivisione social renderebbero eventuali rettifiche poco efficaci.

La scadenza delle elezioni 2020

Il pericolo negli Stati Uniti è dietro l'angolo, proprio come le elezioni presidenziali che quest'anno si svolgeranno nel Paese e che vedranno contrapposto l'attuale inquilino della Casa Bianca, Donald Trump a un avversario che non è ancora stato selezionato dal Partito Democratico. Resta da capire quanto sarà efficace e restrittuvo il filtro annunciato dal social. Facebook ha annunciato infatti che restano esclusi dalle nuove norme i contenuti a scopo parodistico o satirico (una categoria nella quale potrebbero probabilmente ricadere quelli creati qualche mese fa da Striscia la Notizia), ma anche tutti i contenuti di natura artificiosa che però non utilizzano tecniche di intelligenza artificiale per lavorare sul fotorealismo del risultato. Su questi ultimi rimarrà comunque attivo l'osservatorio dedicato al fact-checking inaugurato da Facebook qualche mese fa: quelli contrassegnati come fuorvianti o ingannevoli saranno penalizzati nella diffusione sul social.

Il bando ai deepfake su Facebook farà alcune eccezioni per i politici
Il bando ai deepfake su Facebook farà alcune eccezioni per i politici
L'allarme: "Il Deepfake è una nuova minaccia tecnologica, ma mancano le leggi"
L'allarme: "Il Deepfake è una nuova minaccia tecnologica, ma mancano le leggi"
Alcuni ricercatori italiani hanno trovato un modo per rendere Facebook più efficiente
Alcuni ricercatori italiani hanno trovato un modo per rendere Facebook più efficiente
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni