Un semplice punto nero, più simile ad una emoji che ad un vero e proprio elemento di punteggiatura. Un carattere apparentemente innocuo, ma che nelle ultime ore ha avuto un effetto inaspettato all'interno di WhatsApp, l'applicazione di messaggistica istantanea più utilizzata che proprio a causa di questa immagine può bloccarsi completamente. "Se tocchi il punto nero, WhatsApp si bloccherà" recita il testo he accompagna il punto nero, che si sta diffondendo come una catena di Sant'Antonio: sono gli utenti stessi a condividerlo con i propri contatti.

E in effetti il puntino nero c'è e si vede, ma nasconde il vero motivo del blocco: una riga composta da 1.996 caratteri per lo più invisibili. Così, se si decide di toccare davvero il punto, WhatsApp si blocca completamente. Ma, per fortuna, in maniera temporanea: la chat si blocca e lo smartphone smette di rispondere, ma tutto torna alla normalità dopo alcuni momenti. Che però possono portare al panico gli utenti meno esperti che si vedono bloccare totalmente il dispositivo in seguito alla ricezione di un messaggio.

Il punto nero – e la stringa invisibile che nasconde – provocano problemi non solo su WhatsApp, ma anche su Messenger, l'altra applicazione di messaggistica di Facebook. Per il momento sembra invece essere immune dal problema tecnico il concorrente Telegram. Immuni anche gli iPhone: la falla colpisce esclusivamente i telefoni dotati di sistema operativo Android. Ma da cosa dipende il problema? Come spiega il portale Androidworld, probabilmente l'app si blocca nel tentativo di processare la lunga stringa di caratteri invisibili, eventualità che si ripete ogni volta che si cerca di interagire con il messaggio o che si riapre la chat che lo contiene. Insomma, il consiglio è quello di non cliccare sul punto nero e di proseguire la conversazione.