Gli appassionati di videogiochi — e in particolare i fan del mondo Sony — possono finalmente iniziare a fantasticare sulla prossima console della serie PlayStation. Il gadget non è ancora stato annunciato dal gruppo giapponese e nonostante tutti ormai lo chiamino PlayStation 5 non ha neppure un nome ufficiale; eppure il suo capo progettista Mark Cerny qualche giorno fa ha potuto parlarne con Wired, che in queste ore ha pubblicato un resoconto dell'incontro e soprattutto dei dettagli del dispositivo.

Della prossima PlayStation sappiamo innanzitutto che non arriverà quest'anno, ma allo stesso tempo che alcuni team di sviluppatori hanno già ricevuto le prime unità preliminari per poter lavorare in anticipo sulle loro creazioni. Questo vuol dire che le specifiche tecniche della console sono già state definite: nella fattispecie Cerny ha dichiarato che a muovere le operazioni ci sarà un chip AMD Ryzen di terza generazione a otto core, basato su architettura Zen 2 — la più recente del gruppo — e realizzato con processo produttivo a 7 nanometri. Ad occuparsi delle operazioni grafiche penserà invece una variante personalizzata della scheda video Navi, prodotta sempre da AMD e in grado di supportare il ray tracing, una tecnica di elaborazione delle immagini 3D che riproduce più fedelmente i riflessi della luce sulle superfici e rende gli scenari decisamente più realistici.

Oltre a essere più potente sia dal punto di vista della capacità di calcolo che da quello dell'elaborazione grafica, la console vanterà novità di rilievo anche nel campo dei tempi di caricamento e dell'audio. A bordo della prossima PlayStation si troveranno infatti veloci hard disk a stato solido che, stando a Cerny, dovrebbero battere in rapidità di lettura anche le migliori unità attualmente disponibili su PC e tagliare sensibilmente i tempi di attesa prima dell'inizio delle partite fino a 20 volte. Lato audio invece il chip principale includerà una unità di elaborazione dedicata al posizionamento in 3D dei suoni, che potrebbe dare una marcia in più a una eventuale nuova edizione di PlayStation VR, della quale però nel corso dell'incontro non è arrivata conferma.

Tra gli altri dettagli degni di nota va menzionato sicuramente che la prossima PlayStation non sarà basata solo sui download, anche se non è chiaro se i giochi si acquisteranno su disco o altri formati; sarà inoltre retrocompatibile con i giochi PlayStation 4, e anzi alcuni dei giochi della console di attuale generazione saranno di fatto rilasciati contemporaneamente per entrambe; infine supporterà le risoluzioni 8K, anche se per diverso tempo ancora i TV capaci di visualizzare questo livello di dettaglio rimarranno nelle stanze di pochi. Per tutti gli altri dettagli — compresi quelli relativi ai titoli disponibili — occorrerà aspettare altre interviste o indiscrezioni: da qui all'anno prossimo c'è tutto il tempo.