Pooductive

Da ormai diversi anni l'importante – e per alcuni sacro – momento della seduta sul "trono" del bagno è caratterizzato da una forte presenza di smartphone e tablet, da utilizzare per navigare sul web, spulciare tra i vari social network e leggere qualche notizia. Insomma, se prima perdevamo decine di minuti leggendo riviste e giornali, ora il momento-cacca è riempito dagli schermi dei nostri dispositivi, con conseguente interazione con altre persone attraverso social network o servizi di messaggistica istantanea. Chi, almeno una volta, non ha ricevuto il messaggio "Dimmi pure, sto facendo la cacca"? Un'applicazione punta proprio a rendere queste conversazioni più "contestualizzate", mettendo in contatto persone che si trovano nella stessa situazione.

È Pooductive, un'applicazione sviluppata da Ricardo Gruber e Marco Hernandez che permette di trovare e chattare con altre persone impegnate a liberarsi in bagno. In questo modo chiunque nel mondo potrà trovare un'altra persona seduta sul water in quel preciso istante, con la possibilità di selezionare alcune impostazioni per affinare la ricerca. Pooductive permette infatti di specificare il sesso e la distanza massima desiderata, in modo da selezionare persone appartenenti al proprio territorio o lanciarsi in conversazioni multiculturali con utenti da tutto il mondo.

Pooductive

L'applicazione ha in realtà uno scopo ben più importante rispetto al semplice (ma divertente) passatempo. Gli autori, infatti, si sono impegnati a sensibilizzare gli utenti sull'importanza dell'acqua potabile come elemento fondamentale per il miglioramento delle condizioni igieniche dei paesi in via di sviluppo. Un obiettivo raggiunto attraverso la sponsorizzazione di realtà internazionali del calibro di The Guardian, Huffington Post, Daily Mail e The Telegraph. È inoltre attiva una campagna di raccolta fondi con la quale la start-up vuole aiutare a costruire infrastrutture per la diffusione di acqua potabile.