Alexa di per sé è già uno degli strumenti tecnologici più interessanti per chi è affascinato dai progressi delle ricerche sull’intelligenza artificiale e sui temi fantascientifici, questo vale anche per gli assistenti intelligenti concorrenti di Google e Apple. Questa tecnologia permette infatti di interagire vocalmente con un dispositivo elettronico che risponde in maniera quasi sempre ottimale. Si tratta in sostanza di dare voce ad un motore di ricerca collegato con la rete, interagendovi nel modo più naturale ed eliminando periferiche quali la tastiera e il mouse, ma è fattibile anche il contrario, ovvero far interagire il dispositivo con altri, ed è già possibile ordinare ad Alexa di riscaldarci i pasti al microonde.

Un maggiordomo digitale accessibile a tutti

Il dispositivo sviluppato da Amazon presto potrà interagire con ben otto nuovi dispositivi, questo è quanto è stato annunciato recentemente dalla CNBC. Saranno alimentati da Alexa stessa e verranno inaugurati durante un evento previsto per la fine del mese. Sulla natura degli apparecchi abbiamo già alcune indiscrezioni: un subwoofer, un ricevitore, un gadget per auto, un amplificatore e persino un forno a microonde. Il sogno più recondito degli utenti di Alexa: quello di avere un maggiordomo digitale in casa, potrebbe presto avverarsi; ancora non è capace nemmeno di farci un panino, ma almeno ci riscalderà i pasti.

La sfida è aperta anche per Google e Apple

Non tutti i dispositivi citati avranno un assistente digitale integrato, ma saranno comunque connessi ad Alexa. Del resto è già possibile trovare apparecchi compatibili, come il microonde intelligente della GE. Queste novità hanno anche aperto una sfida non dichiarata a Google – che si avvale di display intelligenti come quello della JBL – e Apple la quale ha da poco rilasciato il suo altoparlante intelligente HomePod, ovviamente con tecnologia Siri.