11 Giugno 2013
14:28

Privacy policy: il Garante comunica cosa si è fatto e cosa si farà

Il Garante per la Privacy pubblica la relazione 2012 sul suo operato ed annuncia i futuri interventi in materia di protezione dei dati personali. Cifre e dettaglio delle attività emergono dal documento di cui si anticipano i contenuti.

Il Garante sulla Privacy ha reso oggi noto il bilancio delle attività svolte per lo scorso anno e le future azioni da intraprendere sul delicato fronte della protezione dei dati personali nell'era della digitalizzazione dei contenuti e delle identità.

La relazione pubblicata diffonde le cifre chiave dell'operato dell'Autority: 460 provvedimenti collegiali; 233 ricorsi deliberati con riguardo in primis a banche e finanziarie, oltre che assicurazioni ed operatori delle telecomunicazioni; 4.183 richieste riscontrate (reclami, quesiti e segnalazioni) sulle aree che spaziano dal giornalismo alla telefonia, ai rapporti di lavoro; 23 pareri espressi su polizia e sicurezza, informatizzazione delle banche e "social lending"; 395 ispezioni effettuate con riguardo a servizi di pagamento online, credito al consumo, database del fisco, profilazione del lato consumer da parte delle aziende;  578 violazioni amministrative contestate, con telemarketing e sovrautilizzo del back-up dati di traffico telefonico e telematico in cima alla lista delle contestazioni; 3.800.000 euro di  sanzioni amministrative riscosse; 35.000 richieste dal pubblico a cui si è fornito riscontro (% in aumento a dimostrazione di un'intensificata attività di relazione con gli utenti.

Banche, pubbliche amministrazioni, cyberspazio, cloud computing e social media, posti di lavoro e trattamento dei dati sensibili: questi gli ambiti oggetto dei più significativi interventi.
Sul fronte web, non indifferenti i provvedimenti per disciplinare l'uso dei cookie da parte dei siti navigati dagli utenti; o le regole di trattamento dati introdotte per blog, forum, social e pagine che trattano dati sensibili (medicina e salute, nel caso di specie); o, ancora, la richiesta di trasparenza per i servizi di messaggistica e di aggiornamento per gli archivi giornalistici online. Anche Google è stato "ripreso" in merito di scarsa chiarezza delle norme sulla privacy.

L'uso delle impronte digitali dei dipendenti è stato regolato come forma di tutela dei rapporti di lavoro; la pubblica amministrazione è stata richiamata con opportuni divieti in merito alla pubblicazione sul web dei dati sanitari degli utenti censiti; per evitare il data breach si è imposto ad internet provider e Tlc di rendere noti al Garante e agli utenti i cyber-attacchi subiti.

Si è agito anche a livello internazionale con la redazione da parte dei Garanti UE del nuovo Regolamento in materia di protezione dati che sostituirà la Direttiva del 1995 e della Direttiva che dovrà disciplinare il trattamento di dati per finalità di giustizia e di polizia. Ancora, la Convenzione del 1981 sulla protezione dei dati è in revisione; Shengen, Europol ed Eurodac sono materie di intervento, insieme a cloud computing, behavioural advertising, smartphone e tablet e relativo uso delle app, e molto altro ancora.

Per una lettura approfondita della relazione del Garante si acceda al documento da questo link.

Educazione digitale decisa dai Garanti per la privacy: troppe le app sul mercato
Educazione digitale decisa dai Garanti per la privacy: troppe le app sul mercato
Privacy: consenso obbligatorio per la profilazione degli utenti online
Privacy: consenso obbligatorio per la profilazione degli utenti online
WhatsApp, il Garante chiede chiarimenti sulla privacy degli utenti italiani
WhatsApp, il Garante chiede chiarimenti sulla privacy degli utenti italiani
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni