In quel racconto della società italiana che è Sanremo si inserisce anche la piattaforma di condivisione TikTok, segno che l'app utilizzata da giovani e giovanissimi sta iniziando ad avere un impatto nella cultura di massa anche nel nostro Paese. Tra i brani che parteciperanno alla manifestazione musicale che si aprirà domani, martedì 2 marzo, ce n'è infatti uno che cita per nome l'app di origine cinese non senza un tono critico: si tratta di Mai dire Mai (la Locura) dell'artista indie torinese Willie Peyote.

La canzone, il cui testo è stato nel suo complesso analizzato anche da Fanpage.it, è una critica indirizzata ad ambiti specifici del sistema italia come la gestione della pandemia e lo stato di salute della scena musicale. TikTok fa la sua comparsa proprio in questo frangente, in un solo verso e senza mai più fare capolino nella traccia:

Le major ti fanno un contratto se azzecchi il balletto e fai boom su Tik-tok

Il riferimento è alla natura virale dei contenuti proposti dall'app. Gli algoritmi di TikTok possono spingere una clip di fronte a milioni e milioni di persone se intercettano i prodromi di un potenziale interesse di massa. Quali siano questi segnali, è solitamente il pubblico a definirlo con il tempo speso sui singoli video, le visualizzazioni e i mi piace; una volta che il video guadagna un minimo di trazione, TikTok lo manifesta nella sezione principale dell'app e lo candida a diventare un fenomeno di massa.

Se i nuovi spettatori raggiunti dal video lo apprezzano, il risultato può essere difficile da quantificare. Alcuni video sono stati visti da decine di milioni di persone quasi per caso, e i protagonisti sono diventati personalità del web da un giorno all'altro. Altre clip hanno iniziato a guadagnare gradualmente trazione una dopo l'altra per il lavoro che gli autori fanno da tempo nella loro realizzazione e promozione. In ogni caso in campo artistico una simile attenzione di massa concentrata improvvisamente intorno a un artista può generare un ritorno economico non indifferente per una realtà musicale che desideri investire sul fenomeno.

È quel che descrive in sintesi Willie Peyote, non senza un accenno di critica nei confronti di un mondo che a Sanremo sarà presente e con le antenne puntate sul prossimo fenomeno musicale. Il testo è già stato anticipato, ma per ascoltare l'esibizione l'appuntamento è con la manifestazione in onda su Rai 1 a partire da domani.