Decidere cosa fare delle spoglie mortali di un caro estinto non è mai semplice, ma chi opta per la cremazione da qualche tempo ha a disposizione un'opzione decisamente insolita: spedire le ceneri del defunto verso il cielo, a decine di chilometri d'altezza. È la missione di Ascension Flights, ultima di una serie di aziende che negli ultimi anni hanno iniziato ad affacciarsi sul mercato e che si occupano di servizi funerari a dir poco alternativi. La startup è entrata in attività da pochi mesi, e pur lasciando a intendere di poter lanciare i resti dei defunti nello spazio, in realtà fa qualcosa di leggermente diverso.

Ceneri nella stratosfera

Le ceneri vengono stoccate all'interno di un involucro sigillato progettato dalla società, che viene poi fissato a un pallone aerostatico simile a quelli che vengono utilizzati per le rilevazioni meteorologiche. Entrambe le componenti sono realizzate per resistere all'altitudine e a eventuali turbolenze che involucro e pallone potrebbero incontrare nel corso del tragitto, che li porterà a 30.000 metri di altezza. Giunto in piena stratosfera, il contenitore si apre rilasciando le ceneri contenute che però non hanno ancora terminato il proprio viaggio. Anziché fluttuare nello spazio (l'altitudine non è sufficiente affinché questo avvenga) i resti dei cari estinti finiscono in balia delle correnti di vento stratosferico che li trasportano per settimane intorno al pianeta, prima di ridiscendere e venire riassorbite dalle nubi attraverso le quali poi torneranno a terra insieme alla pioggia.

Quanto costa il servizio

Nella fase di ascesa il procedimento viene ripreso da una serie di action cam agganciate alla struttura, che vengono recuperate nel momento in cui il pallone termina il suo viaggio e rientra lentamente a terra dopo aver lasciato le ceneri sospese tra i venti. Per recuperare il tutto, Ascension Flights si basa sulle coordinate GPS trasmesse dalle antenne installate a bordo dell'apparecchio: il personale della società recupera i filmati dalla memoria delle action cam e li fornisce ai clienti prima di organizzare un nuovo viaggio. Il servizio ha un costo che parte da circa 1.000 euro e può arrivare a oltre 3.000 per le tipologie di lancio più sofisticate, e ha già un suo seguito. Il gruppo – che non è l'unico che opera in questo settore – conta al momento 15 dipendenti e spera nel 2020 di aumentare il numero dei viaggi effettuati a circa 200 dando ai clienti la possibilità di riservare il trattamento stratosferico anche agli animali domestici.