Quella dell'impiego della tecnologia per combattere la diffusione del coronavirus in Italia è una strada che sempre più esperti reputano inevitabile da seguire. Prestando attenzione alla privacy dei cittadini, utilizzare strumenti ubiqui come gli smartphone può infatti rivelarsi utile non solo a informare e trattare a distanza la popolazione, ma anche a tracciare l'evoluzione dell'epidemia. A questo è pensata SOS Italia, una nuova app in fase di sviluppo presso Aidr che sarà scaricabile tra pochi giorni sugli smartphone Android e iOS.

A SOS Italia si può accedere con il proprio Spid oppure con metodi più diffusi come gli account Google o Facebook, o il proprio numero di cellulare; in questi ultimi casi all'app vanno forniti altri dettagli come nome, cognome e dati anagrafici su residenza e domicilio, corredati di codice fiscale. Una volta autenticati al sistema, si accede a un pannello di controllo dal quale sono disponibili diverse funzioni.

Innanzitutto è possibile comunicare all'app la propria condizione rispetto al virus: attraverso un semplice questionario gli utenti possono specificare se sono affetti dai primi sintomi, se sono già risultati positivi al COVID-19 o se si trovano ricoverati, o in isolamento obbligatorio o preventivo. In questo modo le autorità possono tenere traccia in modo efficiente delle persone già infette o a rischio, concentrando gli sforzi di prevenzione e diagnosi in aree in cui i contagi potrebbero essere stati sottostimati. L'app permette inoltre di generare automaticamente autodichiarazioni per gli spostamenti, già compilate con i propri dati; le informazioni inserite generano un QR code che si può mostrare velocemente alle forze dell'ordine che in questi giorni effettuano i pattugliamenti.

Non mancano sezioni secondarie, come quella relativa agli Avvisi ai cittadini, che riunisce tutte le comunicazioni ufficiali sul coronavirus delle quali occorre tenere conto in materia di nuove disposizioni normative; nella sezione Notizie e aggiornamenti si trovano inoltre i bollettini della protezione civile, novità sugli sforzi messi in campo dal governo per la lotta contro il coronavirus, consigli sulla prevenzione e molto altro, mentre tra le Domande e le informazioni utili sono elencate le pratiche per la prevenzione e le bufale dalle quali diffidare.

Stando agli sviluppatori l'app dovrebbe essere in grado monitorare gli spostamenti degli utenti, rendendo più semplice alle autorità risalire alla catena di contagi di eventuali contatti positivi e avvisare i cittadini potenzialmente ignari di essere a rischio. Prima di averla a disposizione però passeranno ancora alcuni giorni: nel comunicato diffuso oggi si afferma che SOS Italia "potrà essere disponibile per i cittadini già due settimane dopo l’avvio del progetto, con le prime funzionalità già in una settimana".

tot. contagiati 101.739
30 marzo 1.648
tot. guariti 14.620
30 marzo 1.590
tot. deceduti 11.591
30 marzo 812