19 Maggio 2021
10:25

Quest’app ti dirà se potresti avere un tumore della pelle

Annunciato da Google nel corso della sua conferenza annuale, lo strumento usa l’intelligenza artificiale per comparare le foto scattate in tempo reale dagli utenti a 288 diverse malattie della pelle. L’app non va utilizzata per l’autodiagnosi e non sostituisce un parere medico, ma può convincere molti a prenotare un appuntamento e rassicurare chi non corre particolari rischi.
A cura di Lorenzo Longhitano

Presto nei, irritazioni e altre condizioni inusuali della pelle potranno essere analizzati direttamente dallo smartphone, che grazie alla fotocamera cercherà di capire se si tratti di lesioni trascurabili o di potenziali malattie come tumori. È l'ultima novità lanciata da Google all'interno della sua conferenza annuale Google I/O: un'app che utilizza algoritmi di intelligenza artificiale per aiutare gli utenti preoccupati a diagnosticare le malattie della pelle, e che sarà disponibile entro la fine dell'anno.

Come funziona l'app

Il funzionamento dello strumento è stato mostrato in anteprima durante la conferenza che si è tenuta ieri, 18 maggio, legato a un avvertimento da non ignorare: l'app non va assolutamente utilizzata come sostituto di una diagnosi medica. Fatta questa premessa, lo strumento è effettivamente quanto di più semplice si possa immaginare: per utilizzarlo si scatta una foto più chiara possibile della condizione da identificare, e si risponde a una serie di domande sulla natura della lesione. Al termine della raccolta dei dati basta attendere che gli algoritmi di Google isolino le lesioni inquadrate dal resto della pelle, per compararle con una banca dati di fotografie già immagazzinate. Grazie alla foto scattata e alle risposte date nel sondaggio, il sistema prende in considerazione fattori come dimensioni, spessore e forma dei nei o delle altre irregolarità inquadrate, e restituisce quella che gli sembra la corrispondenza più vicina a eventuali patologie.

Cosa sa fare

Sviluppata nel corso degli utlimi 3 anni, l'intelligenza artificiale alla base del sistema è stata nutrita con una banca dati di 65.000 immagini di condizioni mediche note, più milioni di altre immagini di sfoghi preoccupanti ma non necessariamente legati a condizioni gravi. Il risultato è un'app che può riconoscere 288 diverse malattie della pelle e che per questo è stata riconosciuta dall'UE come strumento medico – ad esempio per coadiuvare il lavoro di medici di base non specializzati. In ogni caso l'app ma che non va assolutamente utilizzata da sola per l'autodiagnosi.

Non va usata per l'autodiagnosi

La ragione che ha portato allo sviluppo dello strumento è infatti l'elevato numero di ricerche online che gli utenti effettuano sulle malattie della pelle: più di 10 miliardi ogni anno, provenienti da persone legittimamente preoccupate dalla comparsa di nei o altre irregolarità sulla propria pelle. Lo strumento sviluppato rappresenta una via di mezzo tra un'autodiagnosi con una ricerca su Google e il rinunciare a una visita dermatologica. Utilizzato nel modo corretto, lo strumento dovrebbe anzi motivare i pazienti a rischio a programmare un appuntamento dal dermatologo, rassicurando chi invece non corre particolari rischi di avere o sviluppare una malattia potenzialmente grave.

Per il momento i ricercatori dell'azienda stanno ancora terminando lo sviluppo dello strumento, ma tra pochi mesi l'app dovrebbe essere disponibile per i primi utenti che ne richiederanno l'accesso in anteprima. Per assicurarselo basta compilare il questionario pubblicato a questo indirizzo.

Quest'app è stata approvata come sistema di contraccezione
Quest'app è stata approvata come sistema di contraccezione
Se hai una di queste carte dei Pokémon, potresti essere ricco: valgono una fortuna
Se hai una di queste carte dei Pokémon, potresti essere ricco: valgono una fortuna
Google ti dirà quando è meglio non fidarti dei suoi risultati
Google ti dirà quando è meglio non fidarti dei suoi risultati
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni