10 Dicembre 2019
11:36

Queste scarpe a tema League of Legends costano 1.140 dollari

Videogiochi e moda, un connubio sempre più frequente, soprattutto in casa Louis Vuitton. LVxLoL, il crossover tra il marchio di moda francese e il popolare League of Legends, approda anche in Italia dopo il successo nel mercato asiatico. Ecco quali sono i prezzi della nuova collezione a tema videoludico.
A cura di Lorena Rao

League of Legends, il popolare titolo di Riot Games, è in realtà presente anche nel mondo del fashion, grazie a una collaborazione avviata tempo addietro con il marchio Louis Vuitton. Se prima questa particolare collaborazione era riservata al mercato asiatico, adesso i capi del crossover LVxLoL sono disponibili anche per il mercato occidentale, tra cui anche l'Italia. Kotaku, autorevole sito del settore videoludico, commenta ironicamente "se hai mai voluto spendere 600 dollari per una maglietta a tema videogiochi, adesso hai la tua occasione".  Questo perché la proposta di League of Legends e Louis Vuitton prevede una serie di capi unici ed originali con prezzi di un certo spessore. Ciononostante, la linea di abbigliamento sta riscuotendo un ottimo successo sia in Asia che in Occidente, e non solo tra i fan di League of Legends, per lo più giovani tra i 18 e i 24 anni, ma soprattutto tra gli estimatori dell'urban style.

Tra i capi proposti, molti sono rivolti alle donne, ma è possibile individuare una t-shirt nera raffigurante al centro Qiyana, uno dei personaggi di League of Legends. Costa 500 euro. Ma non è certo questo il capo più costoso: vi sono le sneakers modello LV Archlight, in questo caso con la trama classica di Louis Vuitton unito al canonico blu del titolo di Riot Games, che hanno un valore di 1.140 dollari negli Stati Uniti, equivalente a 850 euro. Ma i prezzi aumentano ancora se si guarda alla tuta, con un mix di colori simile a quello visto sulle scarpe, che richiede 3.000 euro, e una giacca argentata del valore di 4.200 euro. Per tutte le altre proposte vi rimandiamo al catalogo online della linea LVxLoL.

Non è la prima volta che videogiochi e moda si uniscono. Sempre Louis Vuitton, nel 2015, aveva scelto come testimonial non una modella né un'attrice in carne ossa, bensì l'eroina videoludica di Final Fantasy XIII, Lightning. Una scelta voluta espressamente dal direttore artistico del marchio di moda francese, Nicolas Ghesquière, da sempre appassionato di cultura pop e videogiochi, e per questo colpito dal look caratteristico della guerriera finalfantasiana, reso particolare dal taglio di capelli di colore rosa. Già nel 2015 Ghesquière era convinto che la commistione tra digitale, virtuale e cibernetico sarebbe stata sempre più presente nella creazione di linee d'abiti di alta moda. E quanto intrapreso adesso da Louis Vuitton con League of Legends ne è la prova.

Cos'è Legends of Runterra, il gioco di carte su League of Legends
Cos'è Legends of Runterra, il gioco di carte su League of Legends
League of Legends arriva su console e smartphone con Wild Rift
League of Legends arriva su console e smartphone con Wild Rift
Lo sviluppatore di League of Legends risarcirà con 10 milioni le dipendenti discriminate
Lo sviluppatore di League of Legends risarcirà con 10 milioni le dipendenti discriminate
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni