Il problema dell'accessibilità degli strumenti informatici riguarda milioni di persone con disabilità in tutto il mondo, che non sono in grado di controllare computer e smartphone come la maggior parte degli individui. Per risolverlo, la ricercatrice statunitense Dorothee Clasen ha ideato Tong, un computer che si controlla con uno strumento da infilare in bocca in modo simile a un apparecchio per i denti, e che permette di inviare comandi utilizzando soltanto la lingua.

Il dispositivo di controllo ha effettivamente le fattezze di un apparecchio ortodontico mobile, e la sua struttura principale viene effettivamente stampata in 3D sul modello della dentatura degli utenti in modo che sia più comodo da indossare. Al centro di questa scocca risiede però una piccola sfera incapsulata in un alloggiamento magnetico. Si tratta di un piccolo sistema di controllo sensibile al tocco della lingua: quando viene spostato in una qualunque direzione, il magnete ne registra lo spostamento e lo trasmette a un sottile filo di collegamento che esce dalla bocca per terminare in un modulo wireless agganciato all'orecchio dell'utente. L'antenna wireless riceve così i comandi e li trasmette al dispositivo da controllare.

I comandi ricevuti sono di tipo direzionale: possono cioè permettere di selezionare o controllare determinati elementi sullo schermo, oppure un semplice puntatore, come accade con un mouse. Tong è l'interfaccia scelta da Dorothee Clasen per dimostrare il funzionamento del suo apparecchio: si tratta semplicemente di un computer che esegue una versione modificata del classico dei videogiochi Pong, nella quale il cursore è controllato non da una tastiera né da un joystick, bensì dai movimenti della lingua. Il dispositivo della ricercatrice al momento è soltanto un prototipo: dall'aspetto estetico alla presenza del cavo che esce dalla bocca per raggiungere il modulo wireless, c'è molto del gadget che può essere migliorato, mentre Tong può essere sostituito da un computer o un telefono per permettere alle persone con disabilità di utilizzare più facilmente dispositivi diventati così importanti nella quotidianità di tutti.