14 Ottobre 2021
12:09

Questo esoscheletro aiuta chi ha una protesi a camminare “Come se pesasse 12 chili in meno”

Un team di ricercatori dell’Università dello Utah ha ideato un esoscheletro per le persone che hanno subito un’amputazione della gamba al di sopra del ginocchio. Permette di camminare con meno fatica, in quanto è dotato di un attuatore elettromeccanico e di sistemi elettronici personalizzati presenti nell’imbracatura. Chi indossa questa protesi percepirà la piacevole sensazione di camminare con due gambe in carne e ossa.
A cura di Ivano Lettere

Un gruppo di ingegneri dell'Università dello Utah ha progettato un esoscheletro che permette di camminare alle persone a cui hanno amputato una gamba al di sopra del ginocchio. In più, chi indossa questa imbracatura che avvolge la vita percepirà la piacevole sensazione di camminare con due gambe in carne e ossa. Il valore aggiunto del dispositivo tecnologico sta nell'utilizzo di motori elettrici e microprocessori incorporati che diminuiscono la fatica associata alla deambulazione.

Caratteristiche del progetto

Il telaio pesa 2,45 chilogrammi ed è composto da una fibra di carbonio, alluminio e composti plastici. Stando alle testimonianze di chi ha utilizzato l'attrezzatura, queste caratteristiche hanno fatto la differenza: si è riscontrata una riduzione del tasso metabolico del 15,6%, come se una persona dotata di entrambe le gambe si disfacesse di uno zaino di 26 chilogrammi durante una lunga passeggiata. La differenza rispetto alle protesi standard è semplice: queste ultime hanno un difetto che consiste nel non riuscire a replicare completamente le funzioni biomeccaniche di una gamba umana.

"Anche se hai la capacità di muovere l'anca, questo limite fa sì che le tue abilità nel camminare vengano  compromesse", ha detto Tommaso Lenzi, assistente professore, che ha guidato il team di progettazione. L'esoscheletro progettato dalla squadra garantisce un movimento facilitato, grazie a un attuatore elettromeccanico e a sistemi elettronici personalizzati presenti nell'imbracatura. "L'AI dell'esoscheletro capisce come la persona si muove e assiste il suo movimento", ha dichiarato Dante Arcangeli, studente appena laureato e co-autore del progetto.

Quando sarà disponibile la protesi

Secondo le previsioni del professor Lenzi, l'esoscheletro potrebbe essere disponibile tra un paio d'anni. Tutto dipende anche dai finanziamenti per questa fase sperimentale. Per il momento, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e il National Science Foundation si sono fatti avanti per supportare con due sovvenzioni il gruppo di ricerca dell'Università dello Utah: la prima di 985.000 dollari (851.000 euro) e la seconda di 584.000 dollari (504.000 euro).

L'ivermectina non serve contro Covid, ma sui social la fake news continua a girare
L'ivermectina non serve contro Covid, ma sui social la fake news continua a girare
Apple vuole monitorare il modo in cui usi l'iPhone per dirti se sei a rischio depressione
Apple vuole monitorare il modo in cui usi l'iPhone per dirti se sei a rischio depressione
787mila dollari per il manuale del computer Apple II: l'ha firmato Steve Jobs
787mila dollari per il manuale del computer Apple II: l'ha firmato Steve Jobs
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni