Con il diffondersi del nuovo coronavirus sono molti i cittadini di tutti i Paesi preoccupati dall'ipotesi di un contagio. La situazione va affrontata senza allarmismi inutili ma con una sana dose di preparazione sul tema della prevenzione, motivo per cui i governi di tutti i Paesi – Italia inclusa – stanno già facendo molto da questo punto di vista. Negli Stati Uniti un passo in più lo ha fatto in questi giorni una startup di Philadelphia che ha impiegato un robot nel mezzo di Times Square a New York per fornire a turisti, passanti e cittadini un veloce controllo dedicato a chiunque voglia assicurarsi di non avere i sintomi della malattia.

Il gadget si chiama Promobot, ed è un robot dalle sembianze umane che in realtà non è stato creato appositamente per fare prevenzione e informazione sul nuovo coronavirus. Si tratta piuttosto di un dispositivo multifunzione che può essere programmato con diversi contenuti e risposte allo scopo di diffondere un determinato messaggio presso chi lo circonda. Nell'impiego in Times Square, Promobot è stato equipaggiato con un software sviluppato da un'azienda russa che chiede ai passanti di riempire un questionario su eventuali sintomi sospetti sviluppati ultimamente, il tutto in modo amichevole e rassicurante.

Il dispositivo è alto circa un metro e mezzo, e dispone di un volto composto da pixel LED ben visibili che vanno a formare le espressioni facciali, un sistema di altoparlanti per interagire con le persone circostanti e uno schermo touch sul quale visualizzare eventuali informazioni. Attraverso il display i passanti possono riempire un questionario per riferire al gadget se soffrono di eventuali sintomi associati allo sviluppo della malattia, ma non solo: il dispositivo dispensa consigli sulla prevenzione e battute di spirito per tenere alto il morale di chi può sentirsi intimorito dal diffondersi dell'epidemia.