Tra le insidie che i ciclisti devono affrontare quotidianamente quando sono costretti a condividere la carreggiata con le auto, una delle più pericolose sono gli automobilisti che aprono improvvisamente la portiera dei veicoli parcheggiati prima di scendere. Un gesto simile, se compiuto senza la dovuta accortezza, frappone all'improvviso un ostacolo di fronte a biciclette in viaggio a velocità sostenute e può causare incidenti anche gravi. Per scongiurare questo pericolo Ford sta pensando a un sistema di segnalazione installato direttamente a bordo delle auto e capace di avvisare i conducenti di quando un ciclista è in arrivo, in modo che prestino più attenzione nell'apertura della portiera.

Il sistema è ancora in fase di progettazione ma non dovrebbe essere troppo difficile da realizzare su larga scala, dal momento che si basa su tecnologie già disponibili su molti veicoli già in commercio. Il funzionamento prevede infatti che telecamere e sensori di prossimità rilevino la presenza di eventuali ciclisti in arrivo da dietro all'automobile parcheggiata, e la comunichino a un sistema di illuminazione montato a cornice dello specchietto retrovisore; quest'ultimo, iniziando a lampeggiare in rosso, allerta l'autista dell'arrivo di un ciclista richiedendo cautela nell'apertura della portiera.

I rilevatori appartengono alla stessa categoria di dispositivi dei sensori di parcheggio mentre le luci sono dei semplici LED, ma Ford sta pensando anche a una soluzione di chiusura automatica che impedisca fisicamente di spalancare la portiera in situazioni simili (ma disattivabile nei casi di emergenza). Non è chiaro ancora quando il dispositivo di protezione sarà integrato a bordo delle prime auto: Ford ha annunciato che le prove preliminari sono giunte a una conclusione positiva e che una nuova fase di test avrà inizio nei prossimi mesi.