Per riportare la cattedrale di Notre Dame al suo splendore dopo l'incendio che l'ha devastata in queste ore potrebbero volerci decenni, anche se fortunatamente alcuni esperti sembrano fiduciosi sulla fattibilità di un'opera di restauro. Un grande aiuto in questo senso potrebbe arrivare dal mondo della tecnologia e anche da quello dei videogiochi; in particolare dalla serie Assassin's Creed, all'interno della quale si cela una replica decisamente realistica della catterdale al momento perduta.

Fin da quasi subito la saga di videogiochi prodotta da Ubisoft si è distinta per l'accuratezza con la quale ritraeva i luoghi storici che le hanno fatto da ambientazione: dalla Firenze del Rinascimento all'Egitto del 49 avanti Cristo, passando per innumerevoli epoche e capitali mondiali, tra le quali figura appunto anche Parigi. L'ottavo capitolo della saga, Assassin's Creed: Unity, è uscito nel 2014, è ambientato nella capitale francese nella seconda metà del Settecento e tra le vie della città virtuale ospita una raffigurazione fedele proprio della cattedrale di Notre Dame appena menomata dall'incendio di queste ore.

Lo storico monumento, come tutti gli elementi di rilevanza culturale o paesaggistica all'interno della serie, ha ricevuto un'attenzione partiolare dai designer del gioco; una di loro in particolare ha passato circa due anni aricreare in 3D l'aspetto della cattedrale, dentro e fuori. Il titolo inoltre fu il primo lanciato per le console di attuale generazione, motivo per cui la società dovette faticare più di quanto non avesse mai fatto per dare risalto a dettagli grafici che fino a pochi anni prima non sarebbe stato possibile trasporre in video.

E anche se la versione dipinta nel gioco risale a tre secoli fa, non mancano rappresentazioni virtuali più recenti. Nel 2015 infatti — stanno facendo notare in queste ore alcune testate online — lo storico dell'arte recentemente scomparso Andrew Tallon aveva effettuato una scansione tridimensionale a mezzo laser dell'intera struttura: le sue rilevazioni prevedevano l'utilizzo in serie di treppiedi e macchinari che emettessero fasci di luce e ne registrassero i tempi di ritorno per costruire una mappa tridimensionale della cattedrale sotto forma di punti. Le misurazioni hanno un margine di errore di 5 millimetri e potrebbero servire per l'opera di ricostruzione e restauro a cui tutti ora stanno pensando.