(Foto: Ryan's toys review)
in foto: (Foto: Ryan’s toys review)

Qual è lo YouTuber che ha guadagnato di più quest'anno dalla piattaforma di streaming video di proprietà di Google? A rispondere alla domanda ci ha pensato la rivista Forbes, stilando una classifica degli utenti che negli ultimi mesi hanno saputo meglio mettere a frutto il meccanismo di remunerazione derivato dagli annunci pubblicitari interno a YouTube. Ebbene in prima posizione c'è Ryan, un bambino di sette anni che sul suo canale — Ryan's Toys Review — si occupa di recensire giocattoli di ogni tipo. Stando ai calcoli di Forbes, Ryan — nei dodici mesi precedenti al 1 giugno — ha guadagnato ben 22 milioni di dollari, scavalcando celebrità più note come Logan Paul, PerDiePie e Jake Paul, che a differenza di Ryan guadagnano molto da sponsorizzazioni dirette anziché dagli annunci interni ai video.

Quel che Ryan fa durante i suoi video è semplicemente mostrare alla telecamera giocattoli sempre nuovi, descrivendoli, aprendone la confezione e giocandoci allegramente davanti a chi guarda. Si tratta di una tipologia di video molto in voga e nota come unboxing, nella quale recensori anche più adulti si occupano di scartare e mettere alla prova ogni tipo di oggetto, dando informazioni utili allo spettatore e allo stesso tempo creando con quest'ultimo un legame particolare, che si basa sul fargli sperimentare a distanza l'emozione di mettere le mani su un prodotto nuovo pur non avendolo veramente a disposizione.

Per Ryan, anziché di smartphone o di televisori, si tratta di set Lego e auto radiocomandate, anche se sempre più spesso le clip deviano dal tema originale del canale per esplorare altre tipologie di contenuti. Non di rado Ryan si fa infatti protagonista di clip di carattere informativo o educativo, oppure si presta a scenette familiari o addirittura si lancia in avventure di fantasia sotto forma di cartone animato.

Il canale, aperto nel 2015, conta ormai più di 17 milioni di iscritti e un numero totale di visualizzazioni che ha superato quota 26 miliardi, e il 15% degli introiti che genera sono depositati in un conto protetto inaccessibile a chiunque fino a quando il bambino non sarà maggiorenne. Non si tratta però dell'unica fonte di guadagno di Ryan: ad agosto la famiglia ha infatti lanciato una linea di giocattoli chiamata Ryan's World.