Uno dei vettori più insidiosi del contagio da Covid-19 sono i malati asintomatici o paucisintomatici: coloro che pur manifestando sintomi lievi o del tutto assenti della malattia continuano a svolgere normalmente le loro attività quotidiane inconsapevoli del fatto di essere potenziali diffusori della malattia. È il caso di Maryn Short, una ragazza di 19 anni residente negli Stati Uniti, che ha scoperto di essere malata mentre girava un TikTok per proporre ai suoi seguaci la recensione di una nuova bevanda proposta dallo Starbucks locale.

Nella clip pubblicata sulla piattaforma di condivisione, la giovane racconta di aver ordinato una nuova bevanda alla crema e aromatizzata al caramello, annunciando di volerla descrivere per i suoi seguaci. Dopo il primo sorso però si mostra sorpresa: il liquido — osserva Short — non ha quasi sapore, nonostante sulla base degli ingredienti sarebbe dovuto essere molto dolce. Dopo pochi secondi la ragazza si rende conto che ad avere qualcosa che non va potrebbe non essere la bevanda, ma lei: tra i sintomi più bizzarri e facilmente riconducibili a Covid-19 infatti ci sono proprio anosmia e ageusia, ovvero alterazioni nel senso dell'olfatto e del gusto.

Il video si conclude con la reazione della giovane, che dopo aver realizzato che potrebbe essere positiva al coronavirus interrompe le riprese in una risata nervosa. Il resto della storia lo ha raccontato lei stessa a Buzzfeed: la diciannovenne ha chiamato la famiglia per sapere come comportarsi e da casa le hanno consigliato di farsi fare un tampone quanto prima. Mentre attendeva i risultati del test eseguito il mattino successivo ha pubblicato il video, realizzandone poi altri nei quali ha messo ulteriormente alla prova il suo senso del gusto. Il tampone è risultato poi positivo e la ragazza si è messa in quarantena: ora spera che la clip possa servire da monito per tutti coloro — soprattutto giovani — che tendono a sottovalutare la malattia e la sua contagiosità.