Lo scenario che molti utenti Ho Mobile avevano temuto negli scorsi giorni si è verificato: l'operatore di rete cellulare è stato effettivamente colpito da un furto di dati che ha esposto nel dark web le informazioni sensibili di un numero non precisato di utenti. L'hacker che rivendica il furto ha parlato di 2,5 milioni e mezzo di persone, mentre l'azienda si è limitata ad affermare che la banca dati colpita non è rappresentativa della totalità di clienti del gruppo. Ho Mobile è in effetti intenta in queste ore a entrare in comunicazione con a coloro che sono finiti vittima del colpo, attraverso un avviso SMS che sta venendo diffuso in queste ore.

Nel messaggio vengono chiariti alcuni dettagli del furto subito, come ad esempio la natura dei dati sottratti. Con "dati anagrafici" si fa riferimento a nome, cognome, codice fiscale, data di nascita, luogo di nascita e luogo di residenza, mentre con i dati tecnici della SIM si intende probabilmente il codice ICCID che identifica in modo univoco la scheda elettronica, e che consente ad eventuali malintenzionati di effettuare operazioni come il SIM Swapping o la clonazione della scheda SIM.

Meno chiaro è invece il senso del riferimento, nell'introduzione del messaggio, al fatto che i crimini informatici siano genericamente aumentati in frequenza durante il periodo di pandemia. Quel che è importante piuttosto è che gli utenti colpiti si mettano in comunicazione con l'operatore attraverso i canali ufficiali per sapere quali azioni possono intraprendere per mitigare i danni subiti, come ad esempio la sostituzione della SIM (che deve essere gratuita).

Di seguito il testo del messaggio:

Ti scriviamo per informarti che purtroppo ho. Mobile, come numerose altre aziende, è rimasta vittima di crimini informatici che si sono intensificati durante la pandemia. Da analisi approfondite, tutt'ora in corso e in stretta collaborazione cone le Autorità inquirenti, è emerso che è stata sottratta illegalmente una parte dei tuoi dati con riferimento solo ai dati anagrafici e dati tecnici della tua SIM, Non c'è stata alcuna sottrazione di dati di traffico (telefonate, SMS, attività web, etc.) né di dati bancari o relativi ai tuoi sistemi di pagamento. Abbiamo immediatamente attivato ulteriori e nuovi livelli di sicurezza per mettere tutti i clienti al riparo dalla minaccia di potenziali frodi. Potrai comunque richiedere in qualsiasi momento la sostituzione gratuita della SIM presso i punti vendita autorizzati ho. Mobile.