La piattaforma di condivisione privata OnlyFans ha dato a molti influencer e artisti la possibilità di guadagnarsi da vivere pubblicando online foto e video dalle tipologie più disparate e spesso tendenti all'hard, ma uno dei casi più eclatanti è quello di Jenna Philips, una ventunenne statunitense che sul sito recita la parte di un cucciolo di cane, e che con i suoi contenuti guadagna più di 100.000 dollari al mese.

La storia è diventata recentemente virale e ormai sono molte le testate che la stanno raccontando, anche se in realtà la giovane ha aperto il suo account sulla piattaforma ormai più di un anno e mezzo fa come hobby, mentre lavorava e si guadagnava da vivere come optometrista. Per quasi due anni i contenuti pubblicati dalla giovane sul sito sono stati di natura ammiccante, ma senza alcuna connotazione particolare; è stato solo successivamente che la ventunenne ha iniziato a sperimentare con il nuovo ruolo, scoprendo da subito l'apprezzamento degli utenti e moltiplicando per 100 i guadagni sulla piattaforma.

Nei suoi video Philips si comporta esattamente come farebbe un cane: si muove a quattro zampe, sta al guinzaglio, abbaia agli sconosciuti, riporta i giochi che le vengono lanciati, chiede cibo e attenzione. Come avviene spesso con chi possiede una pagina su OnlyFans, alcuni contenuti dimostrativi meno espliciti vengono pubblicati su piattaforme pubbliche come Instagram e TikTok: in queste clip la giovane appare completamente vestita, ma su questi canali è sempre presente il rimando alla pagina OnlyFans dove gli utenti possono trovare anche materiale vietato ai minori.

La formula per Jenna sembra aver funzionato, probabilmente anche per la peculiarità del ruolo interpretato. Anche all'interno di questa particolare tipologia di contenuti, ha rivelato la giovane, "la maggior parte delle ragazze sceglie di interpretare gatte, volpi o conigli, mentre i cuccioli di cane sono più appannaggio dei maschi". Ora l'abbonamento alla sua pagina costa 20 dollari al mese, ma la maggior parte degli introiti deriva da video realizzati ad hoc sulla base di richieste personalizzate, che vengono concessi privatamente a chi li richiede e che in un caso hanno fruttato alla giovane ben 1.200 dollari.