Snapchat ha licenziato due dozzine di dipendenti nelle ultime ore, incluse alcune figure della divisione di branded content, un gruppo focalizzato sui rapporti con gli editori partner del progetto come BuzzFeed e che producono contenuto originali per la sezione Discover dell'applicazione. La notizia arriva pochi mesi di distanza dal redesign dell'applicazione messo in atto proprio per separare la sezione brandizzata dal resto dell'app, spostando peraltro l'attenzione in maniera più marcata verso la comunicazione con i propri contatti.

Nonostante i licenziamenti, Snapchat sembra essere decisa a continuare a puntare fortemente sui branded content basati sulla sezione Dicover che ora risiede in una scheda separata dell'applicazione gialla. Inoltre, presto le storie di Snapchat potrebbero espandersi anche al di fuori dell'app grazie alla funzione Stories Everywhere trapelata nel corso degli ultimi mesi; grazie a questa novità, sarà possibile pubblicare le storie anche sul web e non solo all'interno dell'applicazione, come una sorta di embed dei normali contenuti video e fotografici.

Il nuovo look di Snapchat è ancora in fase di rilascio in tutto il mondo, quindi se non lo vedete ancora non temete: presto arriverà anche sul vostro smartphone. Il rilascio lento è in realtà giustificato: i primi feedback degli utenti non sono stati positivi e in molti hanno criticato l'azienda per aver creato un design poco chiaro. Si parla di un parere negativo da parte dell'83 percento degli utenti. Snapchat sta in ogni caso continuando a cercare di tenere il passo con la concorrenza sfrenata di Instagram, che con le sue storie ha completamente cannibalizzato l'app del fantasmino giallo superandola in poco tempo dal punto di vista degli utenti attivi. Vedremo se l'app riuscirà a riprendersi o se questa volta contro Davide l'avrà vinta Golia.