Altro che foto, testi e video: su Facebook presto si potranno pubblicare post in 3D, una nuova categoria di contenuti annunciata ieri sul palco della conferenza Oculus Connect. I post in 3D consentiranno agli utenti di realizzare e pubblicare oggetti in tre dimensioni che, all'interno del social network, potranno essere visti e modificati dai propri amici, anche senza l'utilizzo di un visore per la realtà virtuale. Il funzionamento è semplice ed è stato mostrato sul palco della conferenza: al posto di visualizzare una foto e un video, il riquadro sarà caratterizzato da una scena in 3D con la quale interagire.

Gli sviluppatori potranno creare questi oggetti virtuali all'interno di Oculus Medium o Facebook Spaces, due applicazioni disponibili per il visore per la realtà virtuale di Facebook, per poi pubblicarli all'interno del social network. Qui saranno fruibili da tutti gli utenti, che potranno osservare gli oggetti in tre dimensioni ruotando lo smartphone e interagire con essi modificandone e muovendone gli elementi con un tocco. Avrà successo? Dipende, soprattutto dalle creazioni degli sviluppatori e dalla loro diffusione all'interno del social network.

Per il momento sembra solo una novità simpatica, ma difficile da realizzare – di certo non è alla portata di tutti creare oggetti in 3D – e potenzialmente inutile. Il classico elemento che girerà molto nei giorni di lancio, ma che in seguito potrebbe faticare a spiccare nel mare delle condivisioni di Facebook. Di certo, però, rappresenta un ottimo metodo per far conoscere al mondo le proprie creazioni se si è un artista digitale, ma soprattutto per mostrarle anche a tutta quella (grande) fetta di pubblico che non possiede ancora (e non ha intenzione di acquistare) un costoso visore per la realtà virtuale. La novità sarà disponibile presto per tutti gli utenti.