In questi giorni L'Immortale – pellicola spin off della celebre serie TV Gomorra – sta incassando le lodi della critica cinematografica e l'entusiasmo del pubblico: i fan dello sceneggiato Sky stanno accorrendo numerosi nei cinema e nei multisala per seguire le vicende immaginarie del Ciro di Marzio di Gomorra, che per la prima volta sono trasposte sul grande schermo. Il cinema però non è l'unico luogo dove è possibile vedere la pellicola: su YouTube è stata infatti caricata una copia pirata del film che nonostante sia online da quasi una settimana non è stata ancora rimossa.

Il canale YouTube che ospita il film è stato aperto lo stesso giorno del caricamento della pellicola e ad oggi non mostra nessun altro video – si tratta probabilmente di un account creato appositamente per questo scopo. La clip invece, oltre ad essere evidentemente stata caricata senza il permesso di chi detiene i diritti del film, è afflitta da una qualità decisamente infima: le immagini e l'audio sono infatti il frutto di riprese effettuate in sala da una videocamera o uno smartphone puntati verso lo schermo. La qualità pessima della clip non è nulla di strano per un contenuto piratato a pochi giorni dall'uscita al cinema; quel che sorprende piuttosto è il fatto che YouTube la mantenga online nonostante la palese violazione e la lunghezza da un'ora e 50 minuti.

In realtà non è neppure la prima volta che YouTube si lascia sfuggire in modo così plateale la pubblicazione illecita di contenuti protetti da copyright, anzi: le riprese di musical e spettacoli teatrali vengono spesso pubblicate con modalità simili, tanto che chi li pubblica e chi ne fruisce ha ormai imparato a caricarli e a cercarli utilizzando il termine "stime tutorial" come codice. Il fenomeno ha cioè assunto una proporzione tale da aver dirottato le ricerche per un altro tipo di contenuto legittimo, portando la relativa chiave di ricerca a significare qualcos'altro.

Non è escluso che, in seguito a un determinato numero di segnalazioni, YouTube possa porre rimedio alla situazione eliminando la copia de L'Immortale piratata ospitata sui suoi server, ma il danno è per lo più fatto. Chi voleva vedere il film senza curarsi minimamente della qualità (finora sono stati più di 70000) ha potuto farlo in un periodo cruciale: quello immediatamente successivo all'ingresso nelle sale, quando le pellicole offrono la maggior parte del ritorno economico alla produzione.