26 Aprile 2017
12:28

TripAdvisor si impegna nuovamente per aiutare i rifugiati: “Hanno bisogno di noi”

TripAdvisor, il popolare portale per recensire locali e luoghi in ogni città del mondo, ha annunciato ulteriori sforzi per contrastare la crisi dei rifugiati.
A cura di Marco Paretti

TripAdvisor, il popolare portale per recensire locali e luoghi in ogni città del mondo, ha annunciato ulteriori sforzi per supportare i rifugiati "in cerca di sicurezza e di un riparo perché obbligati ad abbandonare le loro case". Lo ha annunciato la stessa azienda con una nota inviata a tutti i suoi utenti nella quale specifica di aver stretto una collaborazione con l'organizzazione Mercy Corps per raccogliere finanziamenti volti al supporto dei rifugiati. Non è la prima volta che TripAdvisor si impegna sul fronte della crisi dei rifugiati: lo scorso dicembre un'iniziativa simile aveva portato alla raccolta di 500.000 dollari.

"Attualmente 65 milioni di rifugiati, più della metà dei quali sono bambini, si trovano protagonisti di uno scoraggiante viaggio" si legge nella nota inviata agli utenti. "TripAdvisor si basa sull'idea che i viaggiatori di tutto il mondo si aiutino tra loro. Nonostante i rifugiati non viaggino per scelta, fanno parte di questa comunità globale e ora hanno bisogno del nostro aiuto". Il progetto, realizzato in collaborazione con l'organizzazione globale Mercy Corps, prevede che le prime donazioni effettuate dagli utenti sulla pagina dedicata vengano raddoppiate dalla TripAdvisor Charitable Foundation fino ad un massimo di 125.000 dollari.

"Grazie per la vostra continua generosità" conclude la nota. "Sappiamo che nessuna organizzazione può contrastare questa crisi da sola, ma lavorando insieme possiamo aiutare a creare un futuro migliore". È possibile contribuire alla causa sul sito ufficiale di Mercy Corps, dove si può scegliere la cifra da donare. I primi 125.000 dollari saranno raddoppiati dalla TripAdvisor Charitable Foundation, il fondo di beneficienza realizzato dal servizio di recensioni. A dicembre un'altra iniziativa simile aveva portato alla raccolta di 500.000 dollari da devolvere per contrastare la crisi dei rifugiati.

Su Facebook potrai raccogliere fondi per bisogni personali o per aiutare amici in difficoltà
Su Facebook potrai raccogliere fondi per bisogni personali o per aiutare amici in difficoltà
Open Homes, il progetto di Airbnb per aiutare 100.000 rifugiati e sfollati
Open Homes, il progetto di Airbnb per aiutare 100.000 rifugiati e sfollati
Il bot di Facebook Messenger che aiuta i rifugiati con le richieste d'asilo
Il bot di Facebook Messenger che aiuta i rifugiati con le richieste d'asilo
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni