Li ha testati la scorsa settimana in anteprima il New York Times: nel condividere un articolo su Twitter, invece che visualizzarne in automatico il titolo nello spazio dei 140 caratteri disponibili, viene riportata una frase dell'articolo messa in evidenza. L'esempio in basso mostra uno screenshot di ciò che vedrete nell'adoperare la nuova opzione che Twitter si appresta a lanciare. Non servirà più "copiare e incollare" manualmente, ma un'opzione ad hoc twitterà contenuti editoriali nei nostri account.

Cliccando sull'articolo condiviso su Twitter adoperando la nuova opzione, il lettore sarà rimandato direttamente alla sezione del post dove si trova la frase evidenziata, invece che visualizzare l'articolo dall'inizio o dal titolo: questo permette di accedere immediatamente alla porzione di contenuto d'interesse, focalizzando l'attenzione in primis su ciò che ha catturato la nostra attenzione, senza dilungarsi nella lettura di ciò che magari vorremmo bypassare.

La frase evidenziata è opera dell'autore dell'articolo, che a priori la sceglie in vista dell'engagement che vuole realizzare tramite Twitter. Sempre più gli autori diventano SEO e SEM specialist, chiamati come sono ad impegnarsi nelle strategie di social engagement anche attraverso la scelta della frase chiave. L'esperimento del New York Times ha dimostrato che lo strumento funziona, infatti le condivisioni dell'articolo testato sono aumentate di ben 11 volte rispetto al solito.

Nonostante i buoni riscontri, non si conosce ancora da quando l'opzione verrà utilizzata. In fondo necessaria non è, visto che lo si faceva manualmente da prima, ma è pur sempre una novità e, quindi, vedremo che reazioni susciterà negli utenti del social.