Opinioni
22 Aprile 2016
13:20

Uber, 100 milioni di dollari agli autisti per evitare la class action: non sono dipendenti

Uber ha raggiunto un importante accordo con gli autisti del servizio che porterà al pagamento di 100 milioni di dollari da parte dell’azienda.
A cura di Marco Paretti

Uber ha raggiunto un importante accordo con gli autisti del servizio che porterà al pagamento di 100 milioni di dollari da parte dell'azienda. È l'epilogo di due cause legali intentate dai suoi stessi autisti, che ora potranno essere considerati dei "freelance" e non dei veri e propri dipendenti. Come parte dell'accordo, Uber fornirà più dettagli ai guidatori sulla loro valutazione e sulle modalità che possono portare alla sospensione del servizio. Uber dovrà pagare subito a 385.000 conducenti circa 84 milioni di dollari, più ulteriori 16 milioni di dollari se l'azienda deciderà di effettuare un'offerta pubblica e entro un anno il suo valore aumenterà di una volta e mezzo rispetto a quello registrato a dicembre 2015.

Le due cause legali sono state intentate in California e in Massachusetts, ma i loro effetti avranno probabilmente ripercussioni in tutto il paese, sia per quanto riguarda la stessa Uber che per le altre realtà simili. Continuando a classificare i guidatori come freelance, Uber non avrà l'obbligo di sobbarcarsi i costi legati ad un rapporto di lavoro più profondo, mantenendo bassi i costi operativi e rendendo più appetibile il proprio modello di business. In cambio, l'azienda ha promesso di lavorare con gli autisti per creare e finanziare un'associazione ad essi dedicata, ma solo negli stati dove sono state presentate le cause legali.

"Non abbiamo sempre fatto un buono lavoro con i nostri autisti" ha spiegato in una lettera il CEO di Uber, Travis Kalanick. "Per esempio, non abbiamo una politica che spiega quando e come vietiamo ai conducenti di utilizzare l'app o un processo che gli consenta di appellarsi a queste decisioni. Viste le nostre attuali dimensioni, questo non è più accettabile. È tempo di cambiare". In passato alcuni tribunali americani avevano definito gli autisti dei veri e propri dipendenti dell'azienda, una decisione che ha spaccato in due i circa 450.000 guidatori solo negli Stati Uniti. Questo accordo, però, ribalta la situazione. Che, di fatto, torna ad essere positiva per Uber.

Francia, Uber condannato a pagare una multa di 1,2 milioni di euro
Francia, Uber condannato a pagare una multa di 1,2 milioni di euro
Uber perde 1,27 miliardi di dollari in sei mesi
Uber perde 1,27 miliardi di dollari in sei mesi
Errore 53, i consumatori presentano una class action contro Apple
Errore 53, i consumatori presentano una class action contro Apple
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni