Coronavirus
4 Marzo 2020
13:27

Uber dà consigli sul coronavirus agli autisti, ma non li paga se stanno a casa malati

Le due aziende hanno incoraggiato i loro autisti a seguire delle pratiche linee guida per contenere la diffusione del virus, ma il consiglio di rimanere a casa se malati si scontra con l’esigenza di poter guadagnare per sopravvivere. Gli autisti non sono dipendenti e non godono di giorni di malattia né assicurazione sanitaria.
A cura di Lorenzo Longhitano
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

In questi giorni l'epidemia di coronavirus sta facendo scattare provvedimenti per il contenimento delle infezioni all'interno delle aziende di tutto il mondo. Tra queste realtà aziendali non mancano i colossi del trasporto automobilistico hi tech, ovvero Uber e Lyft, che hanno inviato in questi giorni ai propri automobilisti delle guide pratiche su come affrontare le complessità legate alla diffusione del coronavirus. Il vademecum solleva però un interrogativo legittimo: due tra le soluzioni più efficaci suggerite agli automobilisti — rimanere a casa e farsi visitare da un medico — non sono sempre praticabili da un punto di vista economico, perché non retribuite.

Lavarsi le mani frequentemente, coprirsi la bocca durante tosse o starnuti, e disinfettare frequentemente il proprio veicolo sono tutti consigli di buonsenso che si trovano nei siti web delle due aziende e che riflettono del resto le misure consigliate dai governi di tutti i Paesi alla propria cittadinanza. Quello di darsi malati al minimo sintomo di febbre è però un consiglio che potrebbe incontrare più resistenza perché — come tengono a sottolineare le stesse aziende — gli autisti in forze a Uber e Lyft non sono dipendenti aziendali. Non c'è un rapporto di lavoro che li lega, né assicurazione sanitaria o giorni di paga previsti per chi non si sente bene e decide — per il bene di tutti — di non recarsi al lavoro.

L'inquadramento degli autisti come professionisti indipendenti però in una situazione come questa può portare a dei problemi. Da una parte infatti quella di erodere i propri guadagni per preservare la salute altrui è la decisione  — dolorosa ma giusta — che stanno prendendo già molti liberi professionisti in parecchi settori; d'altro canto questi ultimi, pur tra mille difficoltà, conservano un certo controllo sui propri affari. Chi può fare affidamento esclusivamente sui guadagni ricavati dalle proprie attività di autista (secondo Uber e Lyft sono una minoranza, ma esistono) potrebbe invece prendere la decisione deleteria di recarsi al lavoro senza essere nelle migliori condizioni per farlo, mettendo così a rischio la salute dei passeggeri.

26989 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni