Una nuova importante falla di WhatsApp è in grado di creare il panico nelle chat di gruppo e mandare in crash l'applicazione di messaggistica istantanea di tutti i partecipanti, rendendola inutilizzabile. A scoprire il nuovo bug è l'azienda di sicurezza informatica Check Point, che sottolinea come un semplice messaggio inviato all'interno delle chat di gruppo è in grado di mandare in panne l'applicazione e portarla alla chiusura improvvisa per tutti gli utenti che si trovano in quel particolare gruppo. L'unico modo per recuperare l'accesso all'app è quello di disinstallarla e installarla nuovamente.

Una volta fatto, l'utente non potrà però ritornare all'interno della chat incriminata né accedere al backup di quella conversazione. In breve, quella chat diventa irrecuperabile in tutti i sensi. L'azienda è stata informata della vulnerabilità, che ad oggi è stata risolta con uno degli ultimi aggiornamenti di WhatsApp. Check Point, però, sottolinea che molti utenti potrebbero essere ancora a rischio se non hanno aggiornato l'applicazione all'ultima versione disponibile, cosa che a qualcuno potrebbe sfuggire se non hanno attivato gli aggiornamenti automatici o questi non si sono installati per qualche motivo.

"L'abilità di rendere inutilizzabile WhatsApp agli utenti e di cancellare informazioni importanti dalle chat di gruppo rappresenta un'arma potente" hanno spiegato da Check Point. Il bug è stato scoperto ad agosto 2019, ma non sembra che questa falla sia mai stata utilizzata dagli hacker. L'attacco, mostrato dai ricercatori dell'azienda di sicurezza informatica, prevede l'utilizzo della versione web di WhatsApp e, con una serie di comandi, l'invio di un messaggio distruttivo. Il bug è stato corretto a settembre con l'aggiornamento 2.19.58 di WhatsApp. "WhatsApp considera fortemente il lavoro della comunità tecnologica che ci aiuta a mantenere gli utenti al sicuro globalmente" ha commentato l'azienda dell'app di messaggistica.