Nei mesi del lockdown milioni di persone isolate in casa si sono adoperate alla ricerca di attività virtuali da svolgere in compagnia di amici e conoscenti lontani. Oltre alle varie piattaforme di messaggistica e videochiamate ha avuto particolare successo anche Animal Crossing, videogioco per Nintendo Switch uscito a marzo che porta i giocatori a interpretare la parte di animaletti antropomorfi e interagire con altri giocatori su isole completamente personalizzabili. Il titolo ha avuto particolare successo anche per via delle interazioni che ha saputo garantire a giocatori rimasti isolati dalla pandemia, e da oggi si può giocare in modo del tutto inusuale: come ha raccontato inizialmente Vice, uno sviluppatore esterno ha infatti ideato un sistema per trasferire a un sex toy tutte le vibrazioni che nel gioco normalmente sono destinate ai controller della console.

In un video pubblicato su YouTube lo sviluppatore Kyle Machulis ha mostrato un procedimento per dirottare i normali segnali di vibrazione che una console fa partire in direzione dei controller, per dare ai giocatori la sensazione durante alcune fasi dei giochi. Machulis ha utilizzato una scheda Raspberry Pi per intercettare le comunicazioni wirelesss tra Nintendo Switch e il suo controller, selezionare i segnali che fanno vibrare questa componente e clonarli in direzione di un sex toy di sua ideazione. Il risultato è che ogni qualvolta in Animal Crossing succede qualcosa che normalmente farebbe vibrare i comandi, scatena contemporaneamente anche il motore interno al giocattolo erotico.

La scelta di sperimentare su Animal Crossing anziché scegliere qualunque altro titolo del catalogo Switch non è casuale, ma deriva proprio dalla natura sociale del gioco. Nelle settimane della quarantena del resto le sue isole sono state teatro di meeting di lavoro popolate da dipendenti riprodotti nelle loro fattezze animali, di pic-nic o ritrovi tra amici e perfino di appuntamenti galanti. I giocatori si sono collegati ai server di gioco anche per realizzare incontri al buio con partner conosciuti su Tinder; il sistema potrebbe essere utilizzato per rendere più interessanti queste tipologie di appuntamenti, anche ora che in alcuni Paesi e aree degli Stati Uniti i movimenti dei cittadini stanno tornando a subire limitazioni.

In realtà collegare Animal Crossing a un sex toy rimarrà fuori dalla portata di molti: l'operazione non danneggia la console ma richiede comunque una certa dimestichezza con hardware e righe di codice. Inoltre non tutte le interazioni tra giocatori all'interno di Animal Crossing scatenano vibrazioni utili ad attivare eventuali sex toy collegati al sistema: il metodo più efficace per il momento è quello di finire in una trappola allestita sul terreno dal giocatore che si sta incontrando e dimenarsi a più non posso al suo interno.