I criteri attraverso i quali TikTok decide di far diventare virale un video ospitato sulla sua piattaforma sono ancora insondabili, ma di sicuro una clip peculiare o divertente ha più probabilità di finire sotto i riflettori digitali degli algoritmi che scelgono i contenuti in evidenza dell'app. Per questo il miliardo e mezzo di utenti del social si ingegna ogni giorno per creare contenuti dal piglio sempre più accattivante, anche se a volte sembra ignorare le conseguenze di ciò che viene messo in scena pur di ottenere un pugno di visualizzazioni in più.

È quello che è accaduto all'aeroporto di Fresno, in California, dove quattro agenti di rampa sono stati licenziati dal loro datore di lavoro per aver partecipato a una coreografia nella quale ballavano davanti a un aereo e a bordo dei veicoli riservati al trasporto di valigie e merci. A riferirlo sono stati gli stessi dipendenti a una testata locale, raccontando di come la causa del licenziamento sia stata il "comportamento inappropriato" mostrato nel video incriminato. I quattro lavoravano per un'azienda appaltatrice e non erano alle dirette dipendenze dell'aeroporto, che ha però diffuso ugualmente un comunicato sulla vicenda nel quale si legge che "il comportamento assunto dagli impiegati mostra scarsa capacità di giudizio e non rispecchia il tipo di condotta richiesto ai dipendenti".

I partecipanti dal canto loro si sono difesi specificando che la clip è stata girata nell'ultima mezz'ora del proprio turno — quando ormai tutto il lavoro da svolgere era stato terminato — ma anche che il provvedimento è stato preso solo dopo il successo online della clip, lasciando intendere che proprio la viralità del contenuto possa essere stata un fattore decisivo nel licenziamento.

Il video in effetti ha raggiunto in pochi giorni lo scopo prefissato inizialmente dai suoi autori: pubblicato in data 24 gennaio, il video ha ottenuto 370.000 visualizzazioni e più di 50.000 apprezzamenti sull'account TikTok di uno dei protagonisti; nel corso degli ultimi giorni è stato poi ripreso da altri social tra i quali Twitter, dove soltanto sull'account del quotidiano locale Fresno Tea è arrivato ad altre 280.000 visualizzazioni. Prima che il video raggiungesse la notorietà attuale però — ha affermato uno dei protagonisti del video — nessuno dei supervisori si è lamentato.