A pochi giorni dal nuovo aggiornamento per Windows 10, con un particolare video pubblicato su Twitter, Microsoft ha attirato l'attenzione dei più appassionati del settore mettendo in mostra il logo del suo primo sistema operativo per PC: Windows 1.0

Cosa si nasconde nel video di Windows 1.0?

Cosa bolle in pentola da Microsoft resta ancora un mistero. E dei 13 secondi di video pubblicati su Twitter da Microsoft, non si conosce ancora il significato. Nel video in questione, vengono passati in rassegna e in ordine cronologico tutti i loghi che hanno accompagnato le passate versioni del sistema operativo di Redmond, fino ad arrivare alla chiusura, dove su uno sfondo tipicamente degli anni '80 compare il logo della prima versione dell'OS di Microsoft, Windows 1.0.

Il tutto, accompagnato da un testo molto particolare, nel quale si legge "Annunciamo il nuovo Windows 1.0, con MS-Dos Executive, orologio e molto altro!". La pubblicazione del filmato è avvenuta anche sull'account Instagram di Microsoft, da cui sono stati rimossi tutti i vecchi post, e a risposta di alcune delucidazioni chieste da parte dei follower, Microsoft ha invitato tutti a restare collegati per avere ulteriori informazioni.

Windows 1.0 e Stranger Things stagione 3?

Lanciato dall'azienda di Redmond nel 1985, Windows 1.0 è rimasta in fase di sviluppo per circa 4 anni, per poi esordire non proprio nei migliore dei modi, soprattutto per gli addetti ai lavori, per via della necessità di utilizzare in maniera costante un mouse, periferica allora ancora poco diffusa. Inoltre, i tecnici dell'epoca, guardarono con occhio critico anche il concetto di multitasking, perché poteva ridurre le prestazioni della macchina.

E provando a tirare ad indovinare, questo palese ritorno agli anni '80 di Microsoft, potrebbe non essere altro che una sorta di strategia di marketing legata al debutto stagione 3 di Stanger Things, che arriverà su Netflix a partire dal prossimo 4 luglio e che sarà ambientata proprio nel 1985, lo stesso anno del rilascio di Windows 1.0, che lasciò il posto a Windows 2.0 nel 1987.