Nel corso di questa settimana Xiaomi ha svelato le sue Mimoji, degli avatar digitali che gli utenti possono creare usando gli smartphone dell'azienda cinese e che in molti hanno visto come una copia più o meno spudorata delle Memoji, avatar digitali del tutto identici che da un paio di anni è possibile creare all'interno di iOS su iPhone e iPad. Nelle ultime ore, però, un ulteriore elemento ha dato al tutto una ulteriore spinta tragicomica: Xiaomi, all'interno di una pagina dedicata ai suoi nuovi prodotti, avrebbe inserito un video promozionale relativo non alle sue Mimoji ma alle Memoji di Apple.

A scoprirlo è stato un utente del social network cinese Weibo, che sul suo profilo ha segnalato lo strano scambio: nelle pagine dedicate al suo prossimo Mi CC9, Xiaomi ha utilizzato uno spot pubblicitario di Apple dove la Memoji di Khalid cantava la sua "Talk". Il video, presente sul canale YouTube dell'azienda di Cupertino dallo scorso 8 febbraio, rappresenta uno dei molti filmati simili prodotti da Apple per pubblicizzare le Memoji e il suo servizio di streaming musicale Apple Music. Ma, a quanto pare, qualcuno in Xiaomi ha pensato che potesse pubblicizzare anche i prodotti della realtà cinese.

Il video di Apple è infatti apparso sia all'interno della pagina prodotto del Mi CC9 che nelle pagine di alcuni ecommerce cinesi come JD.com e Suning, dove il filmato accompagnava le grafiche relative alle Mimoji. Secondo l'azienda si è trattato però di un incidente dovuto al fatto che qualche dipendente avrebbe caricato sul sito il contenuto sbagliato. Di certo, però, lo scivolone ha fatto sorridere molti. Anche perché da ormai anni Xiaomi è conosciuta anche per la sua volontà di copiare prodotti e funzioni lanciate da Apple: nel 2018 ha lanciato le sue Animoji, mentre nel 2019 ha presentato una versione cinese degli AirPods. Persino il suo CEO ha detto diverse volte di voler diventare lo Steve Jobs cinese.