YouTube ha annunciato che nei prossimi giorni smetterà di raccomandare i video cospirazionisti relativi a contenuti disinformativi come quelli relativi al terrapiattismo, una decisione che punta a ridurre la presenza di contenuti estremi all'interno della piattaforma, dove da ormai diverso tempo esiste una grande nicchia di video dedicati a teorie "alternative". Presto il portale smetterà di consigliare questa tipologia di filmati, non vietati dai termini del servizio ma che YouTube considera comunque "borderline". Secondo l'azienda, il cambiamento colpirà l'1 percento dei video di YouTube.

"Inizieremo a ridurre le raccomandazioni di contenuti borderline e disinformativi che danneggiano gli utenti," ha spiegato l'azienda in una nota. "Come i filmati che promuovono cure miracolose per malattie gravi, terrapiattisti e cospirazionisti nei confronti di eventi come gli attacchi dell'11 settembre". Una decisione che arriva dopo anni in cui la piattaforma è stata accusata di sostenere questa tipologia di contenuti, che su YouTube sono più presenti che mai. Per fare un esempio nostrano e recente, basata cercare qualche parola chiave legata alla superluna di pochi giorni fa per trovare decine di video su strambe teorie apocalittiche.

Il problema fino ad oggi è che l'algoritmo di YouTube spesso ha attinto da questo bacino di contenuti per le sue raccomandazioni. Una pratica sulla quale influiva il grande tasso di engagement e di visualizzazioni che spesso questi video riescono a generare, soprattutto quelli più "estremi". Secondo un'inchiesta di BuzzFeed, un account appena creato si ritroverebbe a guardare un video cospirazionista dopo appena 5 filmati seguendo le raccomandazioni di YouTube. Il nuovo compito di controllare questi contenuti ricadrà su un team di umani e su una serie di sistemi basati sul machine learning. Il cambiamento colpirà inizialmente gli Stati Uniti, per poi espandersi in tutto il mondo.