Diversi articoli della testata americana BuzzFeed sono stati vandalizzati dal gruppo di hacker OurMine, già protagonista di diversi recenti episodi legati ad intrusioni informatiche. La causa dell'attacco sarebbe da ricercare nell'esposizione di uno dei membri del gruppo da parte dei giornalisti del giornale, le cui pagine sono state modificate sostituendo il titolo di alcuni articoli con la scritta "Hacked by OurMine". Il testo di molte storie, inoltre, è stato rimpiazzato con una nota che invita a "non pubblicare altri articoli falsi su di noi".  A conclusione del messaggio, una minaccia: "Abbiamo il vostro database, la prossima volta lo renderemo pubblico".

Gli hacker non hanno specificato che tipo di informazioni sono in loro possesso come parte del "database" sottratto durante l'attacco. L'intrusione informatica è stata portata a termine un giorno dopo l'uscita di un articolo di BuzzFeed relativo al gruppo OurMine, nel quale si identificava un giovane adolescente come membro degli hacker. Inizialmente OurMine ha smentito la cosa attraverso un comunicato, specificando che la persona citata è "solo un fan" delle loro operazioni. L'attacco di oggi, però, sembra sottintendere che il ruolo del giovane sia ben diverso.

Nel corso degli ultimi mesi il gruppo ha rivendicato numerosi attacchi rivolti contro personalità di spicco come i CEO di Facebook, Google e Twitter, oltre che diversi Vip e testate, come la nota pubblicazione online Variety, colpita nel corso dei primi mesi dell'anno e vittima di una attacco che ha portato all'invio di diverse newsletter finte agli iscritti. "Stiamo testando la vostra sicurezza" aveva sottolineato il gruppo durante l'attacco. Nel caso di BuzzFeed le pagine vandalizzate sono state oscurate nel giro di pochi minuti e ora il sito sta "lavorando per ripristinare tutti gli articoli".