Puntuali come sempre, oltre ai risultati delle elezioni Usa sono arrivati anche quelli relativi agli sbalzi nel traffico di Pornhub, il noto portale di contenuti per adulti che da qualche anno ha iniziato a monitorare il comportamento dei suoi utenti durante eventi particolarmente importanti. Le elezioni americane hanno ovviamente avuto un impatto sul traffico del sito, che durante la giornata dell'8 novembre si è districato tra un aumento mattutino e una diminuzione serale degli accessi. Con persino dei chiari "festeggiamenti" dei repubblicani in seguito alla vittoria di Trump.

Per gli elettori la mattinata dell'8 novembre è stata piuttosto movimentata: Pornhub ha registrato un aumento del traffico pari al 17 percento nelle prime ore della mattinata. "Probabilmente il permesso concesso ai dipendenti  per votare è stato utilizzato anche per dedicarsi al porno" ipotizzano i ricercatori di Pornhub. È verso il tardo pomeriggio che il traffico è letteralmente crollato, facendo registrare un calo del 23 percento intorno alle 23 (costa est) che solo intorno alle 2 del mattino, quando Trump era ormai dato come vincitore, è tornato su cifre regolari.

Poco dopo la concessione da parte della Clinton Pornhub ha però registrato un aumento del 10 percento nel traffico sul sito, segno che molti americani hanno deciso di rilassarsi dopo un'intensa giornata elettorale. In particolare, i repubblicani sono stati quelli che più di tutti hanno "celebrato" la vittoria sul noto portale pornografico: intorno alle 3 del mattino il traffico ha raggiunto un aumento del 20 percento, mentre i democratici si sono consolati arrivando ad un picco del 12 percento. Per quanto riguarda gli stati, la classifica di quelli caratterizzati da un calo del traffico coinvolge sia democratici che repubblicani, anche se nella top 5 figurano 4 stati democratici (Columbia, Maine, Minnesota e Vermont) e solo uno repubblicano (Kansas).

Interessante anche l'analisi proposta da Pornhub riguardante la differenza nelle variazioni del traffico tra uomini e donne. In mattinata l'aumento degli accessi ha caratterizzato soprattutto gli uomini, che hanno raggiunto picchi del 23 percento contro il 16 percento delle donne. Sono però i primi ad aver abbandonato in massa Pornhub per guardare le elezioni: giù del 26 percento intorno alle 23, contro il 22 percento delle donne. Sono peraltro gli utenti di sesso femminile ad essersi riversati su Pornhub in seguito ai risultati: il traffico femminile ha registrato un aumento del 10 percento, contro quello del 5 percento registrato dagli uomini.