5g italia

Il 5G sta per arrivare e tutti gli operatori telefonici in Italia come Vodafone, Tim, Wind 3, Fastweb e Iliad si apprestano a lanciare le loro soluzioni. Soluzioni che vedranno la luce a partire dalla seconda metà dell'anno per poi entrare a pieno regime a partire dal prossimo anno. Vodafone nelle scorse settimane ha anticipato quello che sarà il suo progetto 5G lanciando Milano come la capitale europea della connessione veloce, riuscendo ad avere attiva una copertura dell'80 percento della popolazione con 120 siti attivi, con l'obiettivo di arrivare a coprire altre città italiane dalla seconda metà del 2019. Ma anche gli altri operatori attivi sul territorio italiano si stanno attivando per essere pronti per il grande momento. Non è escluso che possano nascere anche delle partnership tra gli stessi operatori per avviare soluzioni comuni e per affrontare poi la grande sfida che è quella che si gioca sul mobile e quindi sugli smartphone. Gli ultimi modelli che si stanno affacciando sul mercato sono già pronti per il 5G, come l'ultimo Samsung S10 5G. Da sottolineare che la connessione veloce abiliterà sempre più nuove esperienze di connessione e lo smartphone giocherà un ruolo fondamentale. Ecco il punto su come gli operatori telefonici si stanno preparando al 5G in Italia.

A partire dal prossimo anno attivati i primi servizi a Milano, Prato, L’Aquila, Matera e Bari, cui si aggiungono Roma e Torino, dove erano già state avviate altre sperimentazioni.

TIM

Anche TIM vuole farsi trovare pronta e puntare sul mobile. Di recente ha effettuato a Torino un esperimento di connessione, in partnership con aziende come Ericsson e Qualcomm, con un prototipo di smartphone dotato di chipset Qualcomm Snapdragon X50 5G. E nel mese di dicembre dello scorso anno aveva effettuato a Roma quella che è da considerarsi la prima videochiamata in 5G, anche se non effettuata da smartphone. E da main sponsor di Sanremo 2019, TIM ha messo in atto una reale situazione di come grazie alla rete 5G la condizione di congestione sia assolutamente risolvibile. E poi, secondo proprio le ultime notizie, TIM e Vodafone hanno chiuso un accordo di partnership in vista del 5G, con l'obiettivo di mettere in pratica soluzioni comuni e per condividere anche le infrastrutture di rete. Un accordo che definire "storico" non suona come esagerato.

Vodafone

Vodafone dal canto suo ha messo in atto una grande sperimentazione che ha avuto come luogo d'elezione la città di Milano che ha fatto da teatro a tutte le soluzioni innovative che l'operatore sta sperimentando nella capitale dell'innovazione italiana. Già a dicembre dello scorso anno, Milano era la prima città europea in cui era già possibile navigare in 5G con un copertura della popolazione dell'80 percento. Vodafone ha già avviato diverse soluzioni mettendo in evidenza come la connessione veloce dia la possibilità di attivare esperienze nuove e di abilitare altrettante nuove attività che prima non erano possibili, come l'ambulanza connessa ed un piano di sicurezza urbana.

Fastweb

In virtù dell'accordo con Samsung, Fastweb ha da poco avviato la sperimentazione, sempre a Milano, per la 5G Fixed Wireless Access (Fwa) su frequenze commerciali. Questa sperimentazione, avviata proprio all'inizio di questo mese, ha già permesso di connettere all’ultrabropadband numerose abitazioni ed uffici a Milano. Nel corso dei giorni di sperimentazione, sono state raggiunte velocità di navigazione pari a 1 Gbps, grazie allo spettro a 26GHz, recentemente acquisito da Fastweb nell’ambito dell’asta per le frequenze 5G. Per Fastweb la connessione veloce sarà una occasione per imporsi come operatore mobile a tutto tondo

Wind 3

Wind coglie l'opportunità del 5G per consolidare e modernizzare la propria infrastruttura per dare un migliore servizio, sia dal lato consumer che dal lato business. Le città su cui l'operatore ha puntato sono quelle che fanno parte della sperimentazione, come Prato e l'Aquila. Senza dimenticare che proprio il 5G sarà una ottima occasione per arrivare alla completa fusione tra Wind e 3.

Iliad

L'operatore francese, ormai attivo da diversi mesi in Italia, coglierà l'opportunità del 5G per costruire una propria infrastruttura e quindi per accrescere ancora di più la sua presenza lungo lo stivale, cercando di farsi valere in mezzo ai grandi operatori che, come abbiamo visto, si stanno organizzando al meglio. E Iliad cercherà di non essere da meno.