104 CONDIVISIONI
5 Marzo 2015
10:12

Accordi segreti tra Apple e Google: il giudice conferma la multa di 415 milioni di dollari

Il giudice ha confermato la sentenza: Apple, Google, Intel e Adobe dovranno pagare 415 milioni di dollari di multa, una cifra concordata con i dipendenti e che punta ad evitare un processo pubblico.
A cura di Marco Paretti
104 CONDIVISIONI

Il giudice ha confermato la sentenza: Apple, Google, Intel e Adobe dovranno pagare 415 milioni di dollari di multa, una cifra concordata con i dipendenti e che punta ad evitare un processo pubblico. La situazione scomoda per le quattro aziende della Silicon Valley è stata causata da una class action avviata dai lavoratori delle stesse società. Secondo i dipendenti, le quattro big del settore tecnologico si sarebbero accordate per non "rubarsi" i dipendenti a vicenda, con una sorta di contratto mai reso pubblico perché, di fatto, illegale. Il compito del giudice Lucy Koh era quello di valutare il consenso dei lavoratori in merito alle proposte delle aziende e decidere se il risarcimento fosse adeguato o meno.

Nel 2014 la stessa Koh aveva rifiutato la proposta di 324,5 milioni di dollari basandosi su una simile causa del 2013 contro Disney e Intuit. Secondo il giudice i lavoratori potevano ottenere di più e, facendo un paragone con la class action precedente, l'accusa avrebbe dovuto chiedere almeno 380 milioni di dollari. Da qui è giunta la nuova proposta di 415 milioni di dollari per i circa 64 mila dipendenti delle quattro aziende coinvolte. Ora Koh, che comunque ha già dato il via libera per l'accordo, si è riservata del tempo per ascoltare eventuali voci fuori dal coro. L'approvazione finale avverrà il prossimo 9 giugno.

Se l'accordo otterrà tutte le approvazioni finali, le quattro aziende riusciranno ad evitare un processo in tribunale, un'eventualità costosa e dal maggior rilievo mediatico. Il polverone si è alzato dopo la scoperta di alcune mail scambiate tra Steve Jobs, Eric Schmidt e altri dirigenti nelle quali si faceva riferimento ad un accordo per non rubarsi i dipendenti. In pratica, secondo il giudice sussistono le prove di una cospirazione messa in atto da Apple, Google, Intel e Adobe, per colpa della quale i lavoratori non potevano trovare offerte di lavoro in una delle aziende se stavano già lavorando per un'altra.

104 CONDIVISIONI
Apple, Google, Intel e Adobe pagheranno 415 milioni di dollari per gli accordi segreti
Apple, Google, Intel e Adobe pagheranno 415 milioni di dollari per gli accordi segreti
Google potrebbe perdere miliardi di dollari se Apple cambiasse motore di ricerca
Google potrebbe perdere miliardi di dollari se Apple cambiasse motore di ricerca
Google rischia una multa da 15 milioni di euro in Olanda
Google rischia una multa da 15 milioni di euro in Olanda
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni