5 Febbraio 2021
12:21

Alcuni dipendenti Amazon sono stati costretti ad accettare turni notturni da 10 ore

Ai dipendenti di una sede in chiusura a Chicago è stato proposto un trasferimento in un altro stabilimento dove però dovranno sottoporsi a turni di lavoro che li terranno impegnati dall’una di notte a mezzogiorno. La riorganizzazione impedirà a chi accetta di occuparsi di bambini e genitori anziani. L’alternativa è perdere il lavoro.
A cura di Lorenzo Longhitano

La pandemia di coronavirus ha costretto a casa milioni di lavoratori in tutto il mondo, motivo per cui è comprensibile che chi ha ancora un posto di lavoro sia fermamente intenzionato a mantenerlo. Nel pieno di questa situazione emergenzizle Amazon però sta chiedendo ad alcuni dipendenti di scegliere tra una nuova serie di turni di lavoro notturni da 10 ore e la perdita del lavoro.

La denuncia è arrivata da Motherboard, che ha raccolto le testimonianze dei dipendenti dell'Amazon Delivery Station DCH1 – un grande centro di smistamento a Chicago. Lo stabilimento sta per chiudere e ai dipendenti è stata data la possibilità di un trasferimento in un nuovo magazzino nella stessa area, dove però saranno sottoposti a turni particolarmente stressanti non solo dal punto di vista delle quantità di ore di lavoro, ma anche da quello della fascia oraria. I nuovi turni sono infatti programmati per iniziare all'una e venti di notte e terminare a mezzogiorno meno dieci; dal momento inoltre che la vecchia sede sta chiudendo, i lavoratori non hanno di fatto alcuna scelta diversa rispetto all'accettare i nuovi turni insieme al trasferimento oppure perdere il lavoro.

Un rappresentante dei lavoratori della sede coinvolta dalla riorganizzazione ha lamentato come l'imposizione di questi turni sia "crudele e contraria a qualunque valore di responsabilità aziendale orientata al benessere familiare"; i nuovi turni sono stati definiti impossibili dai lavoratori, in particolare proprio per chi ha famiglia: madri e padri, e chiunque debba occuparsi di parenti o genitori anziani nelle ore della mattina – soprattutto nel mezzo di una pandemia.

Da una parte non è la prima volta che i dipendenti Amazon lamentano condizioni di lavoro eccessivamente dure o insicure, e stando a quanto riporta Motherboard i turni notturni da 10 ore sono stati istituiti per incrementare l'efficienza delle operazioni sul posto di lavoro. D'altro canto a stridere con la riorganizzazione c'è il fatto che già ora Amazon può vantare guadagni come non mani nella storia dell'azienda, proprio a causa della pandemia di coronavirus. Negli ultimi mesi il distanziamento sociale ha infatti portato milioni di persone a scoprire Amazon o preferire l'azienda rispetto allo shopping nei negozi fisici. Nell'ultimo trimestre del 2020 il gruppo ha superato per la prima volta quota 100 miliardi di dollari di guadagni.

GameStop ha lanciato un concorso TikTok per i dipendenti, il premio? Più ore di lavoro
GameStop ha lanciato un concorso TikTok per i dipendenti, il premio? Più ore di lavoro
Nella settimana del Prime Day i dipendenti Amazon sono costretti a lavorare quasi 12 ore al giorno
Nella settimana del Prime Day i dipendenti Amazon sono costretti a lavorare quasi 12 ore al giorno
Amazon ha creato un tampone per la Covid: lo farà fare ai dipendenti
Amazon ha creato un tampone per la Covid: lo farà fare ai dipendenti
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni