L’intelligenza artificiale di Google ha battuto 4 a 1 il leggendario campione del gioco cinese "Go" Lee Se-dol. Il numero uno al mondo di questa antica disciplina è riuscito a battere l'intelligenza artificiale sviluppata da DeepMind una sola volta, un risultato che sottolinea la potenza della tecnologia acquisita dall'azienda di Mountain View.

La sfida tra l'IA di Google e Lee Se-dol si è svolta a 20 anni di distanza dai leggendari match tra Deep Blue, l'intelligenza artificiale di IBM, e Garry Kasparov, l'allora campione del mondo di scacchi ed anche in quell'occasione l'IA riuscì a sconfiggere l'uomo, ottenendo una vittoria che è entrata nella storia. Subito dopo il match tra l'IA di Google ed il campione Lee Se-dol è arrivato il commento del numero uno di Go che è rimasto sorpreso dalla potenza di questa tecnologia: "Non mi aspettavo di perdere e non pensavo che AlphaGo potesse giocare in maniera così perfetta". Dal canto suo il team dell'azienda acquisita da Google ha sottolineato che la partita è stata "estremamente emozionante" e "molto intensa". Inoltre il fondatore di DeepMind ha espresso un "grande rispetto per Lee Se-dol e le sue incredibili abilità".

E dopo il 4 a 1 di oggi Demis Hassabis, fondatore e CEO della società acquisita qualche anno fa dall'azienda del noto motore di ricerca ha pubblicato su Twitter un messaggio per mettere in evidenza il potenziale dell'intelligenza artificiale: "AlphaGo ha vinto la quinta partita! Una delle sfide più avvincenti di sempre. Il recupero dall’errore iniziale commesso contro Lee Se-dol è stato incredibile!!!". La sfida tra AlphaGo e Lee Se-dol ha visto dunque trionfare l'intelligenza artificiale di Google ed i responsabili hanno deciso di devolvere il premio in palio di un milione di dollari ad alcune associazioni e organizzazioni.