Coronavirus
16 Giugno 2021
16:25

Amazon ha iniziato a vendere tamponi Covid a domicilio

Il gruppo aveva già attivato la stessa iniziativa per i suoi dipendenti e dove ora ha esteso il suo sforzo per inviare a domicilio tamponi di tipo PCR che possono essere svolti in autonomia. I campioni vengono ritirati dall’azienda e portati in laboratorio, mentre i risultati delle analisi vengono messi a disposizione online.
A cura di Lorenzo Longhitano
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Tra i beni che il colosso dell'ecommerce Amazon è in grado di smerciare, da ora ci sono anche i tamponi per la diagnosi del coronavirus. Sta avvenendo negli Stati Uniti, dove il gruppo aveva già attivato questa iniziativa per i suoi dipendenti e dove ora ha esteso il suo sforzo presso le decine di milioni di utenti già presenti sul territorio.

Come funzionano i tamponi Covid di Amazon

La notizia l'ha riportata inizialmebnte Stat News e conferma l'ingresso dell'azienda nel potenzialmente remunerativo settore della fornitura di servizi sanitari. I tamponi forniti da Amazon infatti non sono semplici test da svolgere in totale autonomia come i sierologici qualitativi con puntura del dito; si tratta di tamponi nasali che vengono recapitati a casa dei clienti ma che vengono poi rispediti presso laboratori di analisi dove vengono analizzati da tecnici esperti. Il prezzo prosposto è di 39 dollari, a fronte del quale il tampone viene inviato a domicilio, ritirato e analizzato: i clienti possono venire a conoscenza dei risultati del test collegandosi a un apposito portale gestito dall'azienda.

Il test sui dipendenti

I test in questione sono i medesimi tamponi PCR che il gruppo si è visto autorizzare dalla FDA statunitense pochi mesi fa. Ai tempi, l'intenzione del gruppo era quella di utilizzarli per fornire un servizio di tracciamento dei contagi interno alla stessa azienda, ma fin da allora era chiaro che l'iniziativa rappresentava una sorta di prova generale per un servizio da avviare su più larga scala. Quel momento è arrivato, e anche se i tamponi sono proposti solamente ai clienti statunitensi, è chiaro che nel settore sanitario il gruppo guidato da Jeff Bezos ha fiutato l'ennesima opportunità di profitto multimiliardaria.

Quello della vendita di farmaci e servizi sanitari è un settore parecchio remunerativo ma rimasto ancorato ad almeno un decennio fa e presidiato da aziende che in molti casi sono rimaste parecchio indietro in fatto di digitalizzazione. Con le capacità logistiche dei suoi servizi di consegna e quelle informatiche delle sue infrastrutture cloud, Amazon ha il potenziale per conquistarne una fetta sostanziosa.

25958 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni