aumento prezzi mascherine amazon ffp3 ffp2 coronavirus

Da qualche giorno ormai anche in Italia stiamo osservando gli effetti che il panico da coronavirus sta avendo sui prezzi di prodotti come mascherine e gel disinfettanti. Da una parte questi articoli sono percepiti come veri e propri salvavita da una popolazione in apprensione, dall'altra non manca chi è pronto a speculare su questa preoccupazione aumentando i prezzi di vendita in modo esponenziale. Si tratta di una pratica riprovevole che però potrebbe essere presto contrastata sulle piattaforme di ecommerce che l'hanno finora resa possibile.

Su Amazon — dove il fenomeno è fuori controllo da giorni anche in Italia — alcuni rivenditori hanno infatti iniziato a ricevere degli ammonimenti dall'azienda, nei quali vengono esortati a tenere bassi i prezzi delle mascherine che fino a poco tempo prima erano disponibili a una frazione del prezzo ora richiesto; in almeno un caso riportato da Wired, il gruppo ha provveduto a rimuovere autonomamente le mascherine sovrapprezzo. Effettivamente negli Stati Uniti Amazon dispone da tempo di norme che impediscono di vendere articoli a un prezzo "notevolmente più elevato rispetto ai prezzi recentemente offerti sia su Amazon che su altri canali". In casi "gravi o ripetuti" il gruppo si riserva il diritto di "sospendere o interrompere i privilegi di vendita", sostanzialmente bandendo il venditore dalla piattaforma in modo permanente o temporaneo.

Il problema è che queste regole al momento si applicano esclusivamente agli Stati Uniti, e anche là — come riporta Wired — sembra non vengano ancora applicate in modo esaustivo. È possibile che il portale si stia adattando alla nuova situazione: la politica sul contenimento dei prezzi del reato viene generalmente adottata per le stagioni di acquisti e non è pensata per le emergenze mediche. D'altro canto anche Facebook si sta muovendo soltanto in queste ore dopo che il suo Marketplace è stato preso d'assalto dalla stessa tipologia di annunci, e la stessa Amazon ha iniziato negli scorsi giorni ad agire contro chi vende disinfettanti e altri prodotti spacciandoli come rimedi definitivi contro il virus.

Nella speranza che sia questo il caso, passerà comunque del tempo prima che mascherine e gel disinfettanti proposti a prezzi esorbitanti spariscano da Amazon e dagli altri siti di ecommerce. Nel frattempo da noi la procura di Milano ha iniziato a indagare su queste pratiche; per chi è tentato dall'acquisto il consiglio è invece quello di non lasciarsi prendere dal panico ed evitare spese sconsiderate.