Ormai era nell'aria, ma con la conferenza di lancio dei nuovi Galaxy S21 Samsung l'ha confermato ufficialmente: anche i prossimi smartphone della casa sudcoreana non avranno caricatore e cuffie nella scatola, come già succede con gli iPhone a partire dai modelli di quest'anno. Secondo Samsung, questa rimozione sarà "graduale" nel corso dei prossimi lanci e avrà come obiettivo quello di rendere più sostenibili i suoi prodotti. In questo modo l'azienda ha quindi lasciato aperta la possibilità che alcuni prodotti siano comunque venduti con il caricatore, senza però specificare quali linee di prodotto lo saranno.

I prossimi Galaxy S21, per esempio, non conterranno l'adattatore a muro in nessuno dei tre modelli presentati; già questo rappresenta un segnale piuttosto forte dato che si parla della linea principale degli smartphone di Samsung. Una delle ipotesi è che l'azienda possa mantenere il caricatore solamente nelle sue linee più economiche, anche per venire incontro agli utenti meno avvezzi alla tecnologia che quindi potrebbero non avere un caricatore in più a casa: è infatti più probabile che chi spende oltre 1.000 euro per uno smartphone di fascia alta sia un entusiasta della tecnologia già in possesso di diversi prodotti (e quindi caricatori) rispetto a chi vuole spendere poco.

"Abbiamo scoperto che sempre più utenti Galaxy riutilizzano gli accessori che possiedono già" ha spiegato l'azienda in una nota. "Per supportare la nostra comunità, stiamo rimuovendo il caricatore e le cuffie dai nostri nuovi smartphone Galaxy". Certo nel caso di Samsung il cambio di rotta è stato un po' zoppicante: dopo l'annuncio della novità da parte di Apple, l'azienda sudcoreana aveva pubblicato sui suoi social un'immagine che prendeva in giro la mela sottolineando che nelle scatole dei Galaxy era sempre presente un caricatore. Poi, a distanza di meno di tre mesi, Samsung è tornata sui suoi passi, ha eliminato i post e ha annunciato lo stesso cambiamento.