L'Apple Card, la carta di credito dell'azienda di Cupertino annunciata durante l'evento primaverile, inizierà ad accettare candidature a partire da questo agosto, come annunciato oggi da Apple durante l'annuncio dei risultati trimestrali riferiti al terzo trimestre dell'anno in corso. "Migliaia di dipendenti di Apple stanno utilizzando l'Apple Card in beta e cominceremo a rilasciarla a partire da agosto" ha spiegato il CEO dell'azienda Tim Cook durante l'annuncio dei risultati finanziari. La carta di credito è la prima soluzione di questo tipo presentata da Apple e, oltre alla carta fisica, vivrà anche all'interno degli iPhone in maniera simile alle nostre carte inserite in Apple Pay.

La versione fisica sarà realizzata in titanio, ma ricorderà le classiche carte di credito solamente nella forma; non presenterà i classici 16 numeri nella parte frontale né il codice di sicurezza o la data di scadenza. Questi dati saranno creati in maniera casuale ad ogni transazione per mantenere ogni singolo acquisto sicuro: ciò significa che il numero della carta e il codice di sicurezza cambieranno ad ogni acquisto, elemento che eliminerà il pericolo di vederseli rubati da eventuali malintenzionati. Questi numeri saranno peraltro generati direttamente sul dispositivo, elemento che non consentirà all'istituto di credito – inizialmente sarà Goldman Sachs – di tracciare gli acquisti e vedere cosa avete comprato o quanti soldi avete speso.

Apple Card: come funziona

Come da tradizione per le carte di credito, Apple integrerà all'interno della sua Card anche degli incentivi per il suo utilizzo che in questo caso si tradurranno in cash back su ogni acquisto. Il funzionamento è semplice: per ogni transazione effettuata, l'utente riceverà una percentuale della cifra spesa sotto forma di accredito riutilizzabile. Ogni acquisto effettuato garantirà il 2 percento di cash back, mentre per tutti gli acquisti all'interno dell'Apple Store il cash back aumenterà al 3 percento. Apple non ha specificato un giorno preciso di agosto per il lancio, ma di certo sappiamo una cosa: inizialmente la carta di credito della mela sarà disponibile esclusivamente negli Stati Uniti. Per il resto del mondo, e per l'Italia, dovremo attendere accordi con le banche.