Quello che si è appena chiuso non è stato un trimestre da ricordare per Apple, almeno per quel che riguarda la vendita dei suoi iPhone. I dati raccolti dalla società di analisi IHS Markit riportano infatti che negli ultimi mesi la casa di Cupertino è scivolata al quarto posto nella classifica mondiale dei maggiori produttori per numero di telefoni venduti — superata da Samsung, Huawei e per la prima volta anche da un'altra casa cinese: Oppo. Il gruppo orientale ha infatti scalzato Apple per un soffio, facendo registrare 36,2 milioni di smartphone venduti contro i 35,3 della società californiana.

C'è da dire che il trimestre primaverile non è mai il migliore in assoluto per quel che riguarda le vendite di iPhone: chi voleva acquistare il modello uscito in autunno l'ha tendenzialmente già fatto, mentre chi si è trattenuto è finito ormai nel pieno del turbine delle indiscrezioni che riguardano il prossimo modello, e farebbe bene a questo punto aspettare pochi mesi per pensare ad acquistare quello. Dietro ai risultati emersi in queste ore però ci dev'essere sicuramente dell'altro, perché se il calo del 19% rispetto ai risultati del trimestre precedente è evidente e si può spiegare con una normale fluttuazione stagionale, quello rispetto all'anno scorso è quasi altrettanto marcato: 15%.

Oppo dal canto suo ha fatto registrare una tendenza di segno nettamente opposto ed è cresciuta più di qualunuque altra azienda nella top 5, anche se in generale le società in crescita rispetto all'anno scorso sono ben poche: Samsung — che resta saldamente in testa alla classifica — e Huawei, che ha scontato solo parzialmente gli effetti dell'anatema statunitense scagliato sulla società da Trump solo a metà trimestre. L'unico altro gruppo che ha di che festeggiare è TCL, salito a 3,8 milioni di smartphone venduti ma ancora ben lontano dai vertici della classifica.